sabato 29 luglio 2006

Mai più come te

uno squillo di cellulare ti ricorda che esisti.....
una confusione incredibile "dall'altra parte del mondo"...
poi il silenzio ... e una voce ....
"basta un niente un nome una calligrafia..."


E' bellissimo sapere che c'è qualcuno che tiene a te..
Grazie per avermi "tenuto con te!!!!"




Mai più come te


basta un niente un nome una calligrafia

perchè ogni cuore ha una memoria tutta sua
si vede sempre dove strappi via una pagina
come ti fissa una fotografia di ieri

la stagione delle piogge arriva qua
alla stazione della mia malinconia
e scende il tiepido acquazzone di una lacrima
sull'ultima tua voce che ho in segreteria

mai più come te
nessun'altra mai
perchè dopo te
io si che m'innamorai
sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c'è qui la tua assenza ormai
che amo come te

chiudo gli occhi e faccio buio dentro me
e la mia mente è come il treno delle sei
con cui ritorna a casa la tua cara immagine
in un silenzio che non puoi far stare zitto

non è tanto questa fine tra noi due
ma quanto quelle sue rovine dietro me
e accanto ai passi con cui pesto ombre di nuvole
quando esco a buttar via gli avanzi di poesie

mai più come te
nessun'altra mai
perchè dopo te
io si che m'innamorai
sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c'è qui la tua assenza ormai
che amo come te

e com'è sempre tardi per amare
e l'amore è la pena da scontare
per non volere stare soli
e meglio è amare e perdere
che vincere e non amare mai

mai più come te
nessun'altra mai
perchè dopo te
io sì che m'innamorai
e sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c'è qui la tua assenza ormai ma


mai più come te


Glitter By Rom@n@deROM@

mercoledì 26 luglio 2006

Wish you were here



 


 


“Wish You Were Here”

 

So, so you think you can tell Heaven from Hell,

blue skies from pain.

Can you tell a green field from a cold steel rail? A smile from a veil?

Do you think you can tell?

And did they get you trade your heroes for ghosts? Hot ashes for trees?

Hot air for a cool breeze?

Cold comfort for change? And did you exchange

a walk on part in the war for a lead role in a cage?

How I wish, how I wish you were here.

We're just two lost souls swimming in a fish bowl,

year after year,

running over the same old ground. What have we found?

The same old fears,

wish you were here.

 


Pink Floyd - 1975

domenica 23 luglio 2006

Ho sognato la cioccolata per anni

In due notti l'ho letto.





Una storia vera, agghiacciante. Il titolo può trarre in
inganno… ma già dalle prime pagine…si capisce che è un libro che colpisce come
un "pugno nello stomaco".



Nella semplicità del suo racconto autobiografico, Trudi
Birger ci guida tra le atrocità e le sofferenze dell`Olocausto per svelarci la
forza della speranza che non si arrende, dei sogni che si rifiutano di morire,
degli affetti che ci tengono in vita.





E’ la storia di una bambina che all'improvviso si trova
rinchiusa nel ghetto di Kosvo prima di finire nell`infamante campo di
concentramento di Stutthof, in Polonia.




A cinquant'anni di distanza, l’autrice ha avuto il coraggio
di ripercorrere l'esperienza che le ha sottratto l’infanzia e l’adolescenza,
che le ha distrutto gran parte della famiglia e che le ha lasciato un segno
indelebile sul braccio, nel cuore e nell'anima.

Racconta che dopo l'esperienza devastante del campo di
concentramento non è più riuscita a sorridere.





Oggi la sua vita è dedicata alle persone più povere di Gerusalemme, sia
ebrei che palestinesi. Ha dato vita al DVI (Volontari Dentisti per Israele) per
insegnare ai bambini una corretta igiene orale e garantirgli cure dentistiche
gratuite.



Finito il libro ho passato un’oretta buona a pensare a
quello che avevo letto… sembra davvero di vivere con la protagonista tutte
quelle tragiche avventure…





Un tazza di cioccolata calda è il sogno ricorrente di questa
bambina che invece è costretta a mangiare zuppa di bucce di patate … e si
ritiene fortunata se nel brodo trova davvero una buccia!!!!

Un’immagine più delle altre è rimasta nella mia mente… Trudi
è al campo di concentramento.. in fila con altre donne …che vengono gettate
VIVE nei forni crematori …



Nella stanza continuavano a entrare nuove vittime, che
mi spingevano in avanti, verso i forni... Afferravano le donne in qualche modo
e le spingevano dentro con la testa in avanti. ...Tutte aspettavano senza
gridare, senza dibattersi...



...Quando vidi che stava arrivando il mio turno, mi raggelai. Diventai come
le altre, di pietra: non avrei gridato, né mi sarei dibattuta quando quelle
rozze mani mi avessero afferrata. Non avrei fatto nulla per ricordare a quei
feroci criminali che ero un essere umano...



Nessuno potrà mai comprendere la gravità di quello che è
successo… nessuno potrà mai veramente comprendere  il dolore che attanaglia un sopravvissuto…
Solo chi ha vissuto la stessa esperienza può realmente comprendere … ma leggendo
questo libro possiamo sicuramente “comprendere” che questi avvenimenti NON
devono essere dimenticati!!!

MAI

venerdì 21 luglio 2006

Delfini...



 


 Quasi fine cena… in tv passa il video di una canzone. Sono tornata indietro di quasi 15 anni. In un attimo mi sono tornati alla mente visi e volti di amici che per un motivo o per un altro non vedo più… Quante discussioni su questa canzone… In quel periodo ci sentivamo simili ai delfini… per la loro vita in branco e soprattutto perché… adoravamo il mare!!!!


…. Sono sicura che stasera chiunque di quel gruppo ha visto il video ha avuto i miei stessi pensieri.. e forse anche la mia stessa malinconia per un tempo passato che ci ha regalato momenti “speciali”!!!


Un abbraccio a tutti voi….


 


 


 


Tanto tempo fa
un grande filosofo indiano
scrisse “Nel mare della vita
i fortunati
vanno in crociera
gli altri nuotano
qualcuno annega“


Ehi capitano mio
vado giù
non è blu questo mare
non è blu
tra rifiuti pescecani ed SOS
vado alla deriva sto affogando


Che cacchio stai dicendo
affoghi in un bicchiere
sai nuotare come me più di me
ce la fai se lo vuoi si che puoi
prendi fiato e vai
vai che ce la fai


Sai che c’è
non ce ne frega niente
dei pescecani
e di tanta brutta gente
siamo delfini
è un gioco da bambini il mare


Ehi capitano mio
c’è una sirena
dice che mi ama
forse crede non lo so
lo saprai se anche tu l’amerai
non ci si nega mai
a chi dice si
dille di si si si si


Sai che c’è
non ce ne frega niente
sirene o no
noi ci innamoriamo sempre
siamo delfini
giochiamo con le donne belle


Sai che c’è
non ce ne frega niente
il mare è un letto grande grande
siamo delfini
è un gioco da bambini il mare


Mare facci sognare tu
nei tuoi fondali verdi e blu
quanti tesori immersi
sommersi


Ehi capitano mio
siamo accerchiati
da cento barche
arpioni ami e cento reti
fuggi via tu che sei più veloce
mi hanno solo ferito
ma sopravviverò


Sai che c’è
non ce ne frega niente
la vita è, è morire cento volte
siamo delfini
giochiamo con la sorte


Sai che c’è
non ce ne frega niente
vivremo sempre
noi sorrideremo sempre
siamo delfini
è un gioco da bambini il mare


Sai che c’è
è un gioco da bambini il mare


 


---------------------------------


Delfini (Domenico e Massimo Modugno)

martedì 18 luglio 2006

Rassomigli a me

Guardati































































































































































































































































quanto sei bella































































































































































































































































chissà che cosa c'entri tu































































































































































































































































con uno come me
































































































































































































































































tu col tuo passo così elegante































































































































































































































































io che non vado d'accordo con niente































































































































































































































































neanche con me...
































































































































































































































































































































































































































































































































Giuro mi sembri una stella































































































































































































































































che brilla là in alto, a trecento galassie































































































































































































































































lontano da me
































































































































































































































































poi butti uno sguardo qua sotto































































































































































































































































ed accendi un puntino































































































































































































































































beh quello sono io































































































































































































































































che guardo te...































































































































































































































































































































































































































































































































Ma che cos'è































































































































































































































































che condiziona il tuo cuore































































































































































































































































verso di me































































































































































































































































seduto lì ad aspettare































































































































































































































































































































































































































































































































Seduto ad aspettare chissà che cosa































































































































































































































































forse una rosa che mi punga la mano































































































































































































































































e poi mi sveglierà































































































































































































































































l'alba di un giorno sereno, il ritardo di un treno































































































































































































































































o la neve che cade d'agosto































































































































































































































































magari in città































































































































































































































































































































































































































































































































Piccola stella mia































































































































































































































































ricorda sempre il mio nome































































































































































































































































Non lo buttare via...se vuoi
































































































































































































































































































































































































































































































































E tu quante volte ancora































































































































































































































































sei la spina che addolora































































































































































































































































quante volte basta un niente































































































































































































































































che ritorni nella mente































































































































































































































































Anche quando tocco il fondo































































































































































































































































è perché ti sto pensando































































































































































































































































Forse vista di profilo ma...































































































































































































































































in ogni cosa rassomigli a me































































































































































































































































































































































































































































































































Così m'inseguo da solo































































































































































































































































tra presente e passato































































































































































































































































come un tronco che va alla deriva































































































































































































































































ma la riva dov'è?































































































































































































































































Me ne accorgo al mattino































































































































































































































































quando mi sveglio senza occhi































































































































































































































































e rovescio i miei drammi d'amore































































































































































































































































insieme al caffè...































































































































































































































































Prova a farmi la barba































































































































































































































































ma la lama non taglia































































































































































































































































a vedermi così non mi vorrebbe nemmeno Gesù...































































































































































































































































Tu che infondo mi ami































































































































































































































































ma se ti tocco già tremi































































































































































































































































hai paura di me































































































































































































































































non mi riconosci più































































































































































































































































































































































































































































































































Ma che cos'è































































































































































































































































perché mi gridi sul cuore































































































































































































































































dimmi perché































































































































































































































































tutto ha cambiato colore































































































































































































































































































































































































































































































































E tu quante volte ancora































































































































































































































































nei momenti tuoi più veri































































































































































































































































come il cuore di una radio































































































































































































































































telecomandi i miei pensieri































































































































































































































































E mi sposti le frequenze































































































































































































































































mi concedi due carezze































































































































































































































































sarà un fatto di apparenze ma...































































































































































































































































rassomigli a me































































































































































































































































































































































































































































































































Dimmi perché...































































































































































































































































...io rassomiglio a te.