venerdì 30 novembre 2007

La musica nel cuore


"La musica nel cuore. August Rush"
Ieri sera sono andata a vedere l'anteprima di questo meraviglioso film.
A parte la trama ... la cosa che mi ha colpito di più è stata questa  foto... questo abbraccio tra due persone innamorate.


E mi domando
perché nessuno
mi abbia mai stretto così,
mai, così forte che non
potrei mai scivolare e
cadere, né adesso né mai”
(Julie Myerson)

Un abbraccio che ci tenga ancorati alla vita. Che ci faccia capire che per qualcuno siamo tutto: casa, porto, orizzonte. Un abbraccio in cui nascondersi, e a cui aggrapparsi.

Lo voglio anche io! Un abbraccio forte di quelli che "mi stai  stritolando"... di quelli che ti tolgono il respiro... di quelli che  ... ti fanno sentire amata!

 

giovedì 29 novembre 2007

complimenti!

 

 

- ma davvero ero carina oggi? :)

 

- certo che si!

 

ma quanto sei carino tu quando mi fai i complimenti!!!!!!

 

 

 

martedì 27 novembre 2007

L'architetto Baglioni

Idee di architetture del dialogo per la città interetnica
mostra - convegno
Napoli, 26 Novembre 2007 ore 9,30


Questo il titolo del convegno che si è tenuto stamattima presso l'Associazione "Oltre il Chiostro" che ha sede nel Complesso Monumentale di Santa Maria la Nova a Napoli

Mi sono presa una mattinata di festa allo studio.
Che c'entro io con gli architetti?? Nulla... qualcuno mi sta pure molto antipatico....

 

Però...

"Discutono sul tema Claudio BAGLIONI Fondazione O'Scià "

 

Ecco!!!!!!

A due passi da casa mia... beh non proprio ... ma grazie ad una grandissima metro sono arrivata lì in un quarto d'ora!!!

 

Diciamo che il "divo architetto" si è fatto un po' attendere... La scusa del traffico è un po' vecchia.. anche se molto credibile conoscendo Roma... e soprattutto Napoli!!!

 

Comunque dopo aver ascoltato i vari interventi dei partecipanti finalmente a mezzogiorno arriva l'attesissimo ospite... non in veste di cantante ma in veste di Architetto. Camicia nera e sciarpone grigio prende posto tra gli architetti.

 

Tiratina d'orecchio al "giornalista Rai" Massimo Calenda! Quando gli ha dato la parola... ha detto di non sapere nulla della Laurea!
Ma come .... se hanno trasmesso la seduta di laurea addirittura al TG1!!!!!! :)

 

Comunque "l'Architetto" prende la parola e come presidente (ma non era la Barattolo??) della Fondazione O' Scia comincia con le solite frasi fatte....
"nessun uomo è un'isola...ogni respiro è un uomo"
"la vita è l'arte dell'incontro" e chi più ne ha più ne metta.

 

Continua a parlare della nascita di O' Scia, della fondazione e di come nel corso degli anni stia cercando di "creare davvero qualcosa di nuovo" per dare una mano seria al problema dell'immigrazione.

Ma l'architettura dov'è?
Ah.... come ha detto anche l'arch. Pisciotta prima... l'architettura deve essere un ponte tra le culture... Ecco dov'è l'architettura!!!
Aspetta aspetta... cito le parole dell'Arch... "l'architettura è importante come la circolazione del sangue"
Fantastico!!!!

 

Va beh.... comunque ... la città ideale ed interetnica è ben lontana da venire... questa è la triste conclusione del convegno...
E l'arch. Baglioni parla anche del futuro...

 

"l'unica paura che resta del futuro è di non esserci"

 

Permettendo così a tutti i suoi fans intervenuti di dimostrare quanto siano preparati!!
A proposito... quanti architetti c'erano in sala?????

 

Comunque alla fine del convegno, Claudio è stato come sempre gentile e disponibile. Tante foto, tanti autografi, sorrisi e baci alle più fortunate!!!

Dico la verità, forse si è capito, non mi piace Baglioni nelle vesti di architetto. Però... mi basta "incontrare" i suoi occhi, mi basta "perdermi" nei suoi sorrisi per farmi dimenticare tutto il resto.

Ma quanto mi tira su quest'uomo????
E in questi giorni... ne ho proprio bisogno!!!

lunedì 26 novembre 2007

Lo so che finirà

Sono triste... molto triste in questi giorni.
E' una tristezza che mi logora dentro e che viene fuori solo quando sono sola.
Il che ultimamente accade sempre più spesso.

Sabato scorso... ero più triste del solito.
Non mi andava proprio di tornare a casa e così, come unica compagnia la radio, ho preso a girare in macchina... e sono andata in un certo posto...
Sono convinta che nulla succede per caso...proprio lì... mentre rallentavo è partita una canzone di Anna Tatangelo.
Non mi piace ... ma nel silenzio della macchina quella canzone mi rimbombava nella testa..

 

Lo so che finirà
ho sempre un chiodo fisso nella testa
io si lo so che tutto questo non è giusto
ma prima o poi succederà
e ci saranno giorni senza sole
senza più parole


Lo so che finirà
e sarà forte il mio dolore
per questo grande amore

lo so che finirà
il tuo sorriso e questo mi farà impazzire
e quando poi mi mancheranno gli occhi tuoi
io proverò a cercarli e poi fuggire
non ci saranno notti per amare
nemmeno per sognare
ma un vento forte il tempo tutto poi cancellerà
sarai un vecchio amore


Per me non finiranno mai
quegli anni amari
ci sono giorni dentro te da ricordare
ci sarà sempre il tuo passato nel futuro
che non potrò capire
se a te quel vecchio amore non ti fa più male
a me mi fa soffrire.


Lo so che finirà
ma resterà per sempre una canzone
sarà un ricordo per stampare il nostro amore
per non avere fine se dovrà finire
e ti dirò Ti Amo tanto da morire
poi lo dovrà sapere
che questa vecchia storia è stata scritta con dolore
dal principe del cuore

 

venerdì 23 novembre 2007

Instant Love

 

L'ho riletto ... tutto di un fiato. Come tutti i libri del mio "amico" Luca.

Ho rimesso su anche il cd che ho creato la prima volta che l'ho letto.

Chi conosce il libro capirà... per chi non lo conosce... lo consiglio!

Da un po' ho preso l'abitudine di lasciare una matita e un foglietto sul comodino accanto al letto.

... Prendo appunti ogni volta che leggo un libro.

E questo è il risultato!

 

 

- Ti amo. Non te l'ha mai detto nesuno?
- No, oggi no.

 

- E' sempre amabile e dolce in tutto. Ma c'è qualcosa che non va. Lo sento
- Un'altra?
- Spero di no, e credo di no. Non so. Sai quando ti fai un'idea che non ha nessuna ragione logica ma te la fai lo stesso? E non sai spiegarti perchè te la sei fatta?
- Si chiama intuito femminile, Viola.
- Ecco, appunto. Intuito femminile.

 

La vita è selezione continua, pensava, e tutto ciò che è dolore, o legato al dolore, deve essere allontanato dalla memoria, anche se la memoria non muore.

 

Vivere, non pensare...

 

Daniele è Daniele solo quando sta con me.

 

- Tu sei gelosa quanto me delle cose nostre. Noi stiamo insieme anche per questo. I segreti sanno tenerci uniti più di tanti abbracci.

 

- Tu lo sai perchè mi piaci? Perchè in tutti questi mesi non hai mai fatto domande. Non hai mai preteso una serata, un regalo, un week-end. Niente. E adesso te ne spunti con il futuro. Magari domani ci stufiamo l'uno dell'altro e finisce tutto. La vita è piena di parentesi di questo tipo.
Rocco si avvicinò di nuovo, ma senza toccarlo, un tira e molla a caccia disperata di conferme.
- Io volevo solo farti capire che ci tengo un sacco a te, a noi.
- Allora non chiedermi niente. Noi stiamo insieme solo quando stiamo insieme. Non posso prometterti di più. Mi spiace, ma questi sono i patti. Prendere o lasciare.

 

- ... Sappi che un grande sacrificio ha senso solo per un sogno. Non per un mezzo sogno.

 

Instant Love - Luca Bianchini

mercoledì 21 novembre 2007

Buongiorno

 

Dal City di oggi:

 

"Bussano alla porta.

Chi è?

Nascondo la polvere della mia solitudine

sotto il tappeto,

preparo un sorriso

e apro."

 

Maram al-Masri

 

La solitudine si accumula, fa polvere, pesa nella stanza.

La tristezza ci avvolge, rallenta i movimenti.

E tutto diventa difficile:

come faremo a nascondere le lacrime, a preparare un sorriso, un viso da presentare agli altri?

 

 

Un mio Amico canta "E domani uscire di nuovo farsi una faccia allegra per il prossimo Carnevale"

E' così che vado avanti... la mattina metto su la maschera ... una faccia allegra, ma dentro sono a pezzi.

E la sera quando non c'è più nessuno, tolgo la maschera e le lacrime scendono senza sosta. 

E non posso fare nulla per fermarle.

 

 

 

 

lunedì 19 novembre 2007

Il canto delle nuvole

 

tu chi sei
sei l'istante che non passa in tutti i giorni miei

sei gli occhi in mezzo al traffico
le mani quando tremano

 

tu chi sei
non guardarmi se non sai sorridere
sei il giorno in cui decidere se respirare o vivere
sei sei

tutti i sogni che non volevo smettere


...


tu chi sei
sei l'idea di quell'amore che non ho ma che vorrei

sei sei
tutto il mondo che non volevo perdere

 

il canto delle nuvole
il canto delle nuvole

sei sei

 

Marco Conidi

venerdì 16 novembre 2007

Una lunga storia d'amore


Quando ti ho vista arrivare
bella così come sei
non mi sembrava possibile che
tra tanta gente che tu ti accorgessi di me.

 

È stato come volare
qui dentro camera mia
come nel sonno più dentro di te
io ti conosco da sempre e ti amo da mai.

 

Fai finta di non lasciarmi mai anche se dovrà finire prima o poi
questa lunga storia d'amore
ora è già tardi ma è presto se tu te ne vai.

 

Fai finta che solo per noi due passerà il tempo ma non passerà
questa lunga storia d'amore

...

 

Ora è già tardi ma è presto se tu te ne vai
È troppo tardi ma è presto se tu te ne vai.

 

G. Paoli

 


Un album... Milestones - Un incontro in Jazz di Gino Paoli
Una canzone, questa  .... bellissima!!
Ascoltata cantata "dal vivo" al cellulare.... è ancora più bella!!!!!
Mi sono illusa... che un po' la dedicassi a me!

 

Mannaggia al cellulare scarico... mannaggia!!!

venerdì 9 novembre 2007

Lettera d'amore

 

Ciao tesoro, ti scrivo perche stasera avrei troppo voluto stare con te.
E non ce la faccio a lasciarti, ad accendere la macchina e a farmi portare via.
Resterei qua, ad aspettare che faccia anche solo un pezzettino di sole per poter salire a baciarti e guardare il tuo viso quando è ancora così tutto assonnato, con quella voglia infinita di cuscini e lenzuola.
Sento ancora che profumo di te, che solo un paio di minuti fa ci stringevamo con gli occhi chiusi e le mani calde sotto l'ingresso di casa.
E' troppo forte, la voglia che ho dentro mi strappa e mi chiede di te e basta.
Da scavalcare il cancello, salire non so come alla finestra e poi vedere quanto sogni per poterlo fare con te.
Forse sono queste sere d'estate, quelle in cui riesci a sentire che le cose sono perfette, dove il cielo pare non spegnersi mai e dalla tua finestra è come se stessero dando un cartone animato a pieni colori.
Mi ricordo di quanto abbiamo riso prima, di come sei stupenda quando soffri il solletico, delle volte che ci siamo persi a parlare di noi e della voglia di stare assieme che ci sorride gli occhi.
Che poi è tutto lì, fra le mani e il cuore, prezioso come l'hanno suonato, e sei certo che non ti vuoi perdere nemmeno un momento, perche é un momento con te.

Questo fine settimana dobbiamo partire, non so dove, so che una giornata assieme sarebbe il massimo.

Ci vorrebbe un paesaggio perfetto, una cena sui riflessi dell'acqua con le luci che ci danzano intorno.
Ma basterebbe partire, in macchina assieme, con la musica che ci porta via, per trovare un posto di quelli piccoli, magari un prato macchiato di colori, con l'erba da sfiorare con il palmo delle mani. E poi restare distesi fianco a fianco, chiudere gli occhi sul cielo lì sopra e stringerti la mano per sentirmi al sicuro.
Non riesco a fermarmi, vorrei viaggiare cent'anni nel tempo e ritrovarti vestita d'antico, con i capelli raccolti, vorrei accompagnarti ad un ballo d'estate, suonare un pezzo per te e incontrarti per caso.

Come quella sera in cui sei arrivata splendida e mi hai frullato il cuore, quando abbiamo passeggiato che ormai era notte scura e le luci si sono spente attorno a noi.
C'eravamo tu ed io a parlare di quello che avevamo dentro sapendo finalmente di non essere soli.
Ma quanto ci siamo detti da quel giorno? Di tutto, delle nostre allergie, dell'amore, dei colori, dei cani che non hai, dei sogni e di quelli che abbiamo realizzato.
E' cosi dura staccarsi da questo foglio di carta che non ne sa nulla e doverlo lasciare qui ad aspettarti.
Che magari potrebbe andarsene anche se impossibile.
Vado, va bene, ma per quanto già mi manchi vorrei che aprissi la portiera, mi porgessi la mano e io saprei ballare con te mentre le cose ci volano attorno...

 

Ti voglio bene... troppo...

 

un bacio che non finisce più

 


Non l'ho scritta io.
E' solo un "copia e incolla". L'autore è Davide Nonino.
Visitate il suo sito : http://davide.nonino.googlepages.com/

Ho letto tutto di un fiato questa lettera.
E' proprio quello che vorrei dirti io.. e che forse non sono capace di dire.
E' proprio quello che vorrei fare io con te ... e che forse non sarà mai possibile.

E' davvero dura staccarsi dal foglio, sia esso un foglio della mia Smemo o un foglio di Word.
E' dura staccarsi da tutto quello che ti riguarda.

 

ti voglio bene... troppo...

mercoledì 7 novembre 2007

L'impossibile

Farò di tutto per non perderti
Sei consapevolmente irresistibile
Senza calpestare il resto io sarò
Per te…un motivo in più

 

 

Sarai perversa e dolce a modo mio,

sarò la vitamina che ti rinforzerà
l’inconveniente è tipico della tua età
e io è lì……che mi dedicherò…

 

Farò farò…l’impossibile
che per te diventa possibilità
sarò sarò imprevedibile…
bacerò i tuoi piedi stanchi e dormirai

 

E quando sarai preda delle gelosie
Ti aiuterò perché anch’io… ne soffro sai!!!..ma

Pensa alle mie mani spesso su di te
E pensa a dove!!!….. ti riporterò

 

farò farò…l’impossibile
imparando a dare un tempo ai tempi tuoi…

Sarò sarò incorruttibile…
Rispettandola ‘sta vita insieme a te…

 

cose che non ho provato mai
cose che con te mi arrivano così
cose che non hai mai chiesto mai
cose che ti prendono una volta sola… e io ho scelto te

 

farò farò…l’impossibile
che per te diventa possibilità

Sarò sarò incorruttibile
Rispettandola ‘sta vita insieme a te

farò farò…l’impossibile
proteggendola ‘sta vita insieme a te a te a te a te…

 

(Biagio Antonacci)

domenica 4 novembre 2007

I granchi


a volte, quando non si riesce ad andare avanti

e non si può tornare indietro,

possiamo ricordarci dei granchi ...

e camminare un po' di lato...

Prenderci il tempo che ci serve.

giovedì 1 novembre 2007

Il matrimonio del mio migliore amico


Hai mai visto il film "Il matrimonio del mio migliore amico"?
Julianne (Julia Roberts) ha cercato invano di scombinare il matrimonio del suo miglior amico - ex fidanzato (TROPPO TARDI!!!)
C'è una scena stupenda in cui George l'amico gay, (Rupert Everett) chiama Julianne al cellulare per consolarla dopo il matrimonio!

Mi è venuta in mente questa scena oggi... io e te al cellulare, prima lontani... poi sempre più vicini.
Tu con quel sorriso che lascia senza fiato...

George: Ti vedo là, da sola, al tuo tavolo, con il vestito lavanda...
Julianne: Ti ho detto che ho un vestito lavanda ?
George: I capelli raccolti, il dolce ancora intatto e forse con le dita che tamburellano sulla tovaglia di lino bianco, come fai sempre quando sei molto giù, e magari ti guardi le unghie e pensi :"Dio! se invece di tante macchinazioni fossi andata dalla manicure...". Ma è troppo tardi.
Julianne: George non ti ho mai detto che il mio vestito è lavanda.
George: E ad un tratto una nota canzone.... e tu ti alzi dalla sedia, con movenza leggera...sorpresa... cercando... fiutando il vento come una gazzella...Dio ha ascoltato la tua preghiera: "Cenerentola danzerà ancora?"
ed ecco... all'improvviso...la folla si apre...e appare lui...bellissimo... elegante... raggiante nel suo carisma. Stranamente è al telefono... ma del resto... anche tu!
Allora viene verso di te... con il passo agile di un felino...e benché tu a ragione intuisca che è ... gay.. come la maggior parte degli scapoli di sconvolgente bellezza della sua età, ti dice: "Ma che diavolo... la vita continua. Forse non ci sarà matrimonio...forse non ci sarà sesso...ma per dinci, ci sarà almeno il ballo!"

I say a little pray for you

From the moment I wake up
Before I put on my makeup
I say a little prayer for you..
While combing my hair now
And wond'ring what dress to wear now
I say a little prayer for you...

Forever, and ever, you'll stay in my heart, and I'll love you
Forever, and ever, we never will part, oh I love you
Together, forever, that's how it should be

Living without you
Would only mean heartbreak for me...
I run for the bus dear, while riding I think of us dear,
I say a little prayer for you
At work I just take time, and all through my coffee break time
I say a
little prayer for you...
My darling believe me
For me there is no one but you
Say you love me too...

Beh.. tu non sei gay... e per me sei sicuramente più affascinante di Rupert Everett.
Forse non ci sarà matrimonio, anzi sicuramente... però...quanto vorrei che ci fosse almeno un ballo!!!!!!