mercoledì 26 marzo 2008

Vincenzo e Francesco Pio

 


 

Per far contenta la mia Amica "zia Anna"... negli album c'è una piccola galleria dei suoi nipotini!!!!

Non sono una meraviglia?



Aspettare....

 

 

“Che follia!
Il mio cuore ogni volta che sente bussare

apre la porta”
(Maram alMasri)

 

Che difficile aspettare.
Aspettiamo che il telefono squilli,
che arrivi un sms;
aspettiamo il bip di un’email sul computer,
aspettiamo...

Così pronti ad aprire la porta del cuore,
ad allargare le braccia.
Quando, a volte, bisognerebbe invece solo
trovare un nuovo coraggio.

 

E smettere di aspettare.

 

giovedì 20 marzo 2008

Il giorno in più – Fabio Volo

Fabio Volo…  tu non puoi immaginare che cosa mi è successo leggendo il tuo libro.
Mi è entrato dentro. Dentro più di qualsiasi altro libro che io abbia mai letto!
Sarà anche il momento particolare che sto vivendo, un momento di transizione…
un momento in cui so di dover prendere un’importante decisione e non mi sento ancora pronta.
Quando leggo un libro ho l’abitudine di segnare piano piano a matita i punti che mi colpiscono di più… ho la matita sul comodino…
Diciamo che questo libro avrei dovuto segnarlo tutto… ma ci sono dei punti che mi hanno toccato più degli altri.


Mi capitava spesso durante il giorno di fantasticare su di lei, ma soprattutto su di noi. E’ bello avere una persona sulla quale fare delle fantasie durante il giorno.


Anche se sconosciuta. Non so perché, ma quando pensavo a lei i miei pensieri non avevano mai il punto. Solo virgole. Erano una valanga di parole e immagini senza punteggiatura.


Ecco… quando pensavo a lui i miei pensieri non avevano punti. Erano senza punteggiatura. Erano in fiume in piena. Senza sosta … inafferrabili e incontenibili.


Forse… lo sono ancora … ma devo cercare ora di frenarli. Di creare una diga. Una separazione fra i miei pensieri e la vita reale.


Forse uno dei miei problemi è che non chiedo niente a nessuno, ma ho bisogno di tutti. Ho cercato sempre di non deludere gli altri, di non essere un peso o una preoccupazione.


Forse è uno dei miei problemi più grandi, non chiedo mai. Cerco sempre di non essere un peso per nessuno. Iniziando dalla mia famiglia.


Tutta la mia vita è stata condizionata da questa convinzione. Quella di farcela da sola. Senza dover chiedere nulla a nessuno.


E forse ora chiedere … diventa più difficile.


… forse era sensibilità femminile. Effettivamente qualcosa di strano, di paranormale nelle donne c’è.


Per esempio è indiscutibile la capacità di sapere di chi essere gelose. … non c’è niente da fare, sono poche le volte che sbagliano.


Evidentemente questa mia sensibilità femminile è molto sviluppata. So esattamente di chi essere gelosa. Lo so chiaramente anche se dall’altro lato c’è chi nega l’evidenza! Dall’altro lato c’è chi non dice bugie, semplicemente non racconta la verità... che è ben diverso! Fa più male una persona che non dice nulla… una persona che cambia volutamente discorso … rispetto a chi dice bugie! Per non parlare poi delle bugie raccontate male.


Ci si arrampica sugli specchi… inventandosi le storie più assurde.  Me ne viene in mente una … raccontatami domenica scorsa… ma non ci voglio nemmeno pensare più!




Un uomo mi piace quando mi sorprende. Quando è in grado di stupirmi, di spiazzarmi. Molti uomini dopo un po’ che li frequenti, diventano come le canzoni di un CD.


Che cosa vuoi dire? Che sai già quale viene dopo. E quando finisce una canzone nella testa stia già iniziando a canticchiare quella dopo.


E’ vero… il mio uomo deve sorprendermi. Deve meravigliarmi…


Con un sorriso, con uno squillo, con un sms … per dire “I’m thinking of you”.


Una volta l’ho mandato io un messaggio così. Non è stato compreso. Peccato.


In quel momento… stava dormendo e io avrei voluto trovare il modo di entrare nel suo sogno e parlarle, e dirle tutte le cose che ancora non le avevo detto. Non volevo tenerle per me.


Forse è l’unico modo che ho. Entrare nei sogni. Per dire tutto quello ho dentro. Tutto quello che sento. Poco prima di leggere questa frase nel libro .… avevo scritto ad una persona alla quale tengo molto … che quella notte sarei entrata nel suo sogno per dirgli tutto quello che avevo dentro. … non l’ho incontrato… non ci sono riuscita. E sfortunatamente… non sono riesco ad “incontrarlo” più nemmeno da … sveglio!!!!!!


Nella mia vita ho sempre cercato di risolvere i problemi delle persone a cui voglio bene. Li vedevo soffrire e avrei fatto qualsiasi cosa. Ho sempre messo la felicità degli altri prima della mia. Ho sempre pensato che tanto io alla fine casco sempre in piedi, che mi rialzo sempre. E adesso che chiedo più attenzione per me sembro io la viziata.


Ecco… dopo tutto … tutto quello che è successo… sono io la viziata. Sono io quella messa da parte. Dopo anni passato a dare una mano a tutti, a cercare di ascoltare e rasserenare gli altri…


Dove siete … quando io ho bisogno di qualcuno?


Dove l’amica/o che ho aiutato sempre?


Onestamente non ho mai fatto nulla sperando di avere qualcosa in cambio. Se ho fatto qualcosa, qualsiasi cosa… un aiuto, un incoraggiamento, una partaccia… l’ho sempre fatto dal più profondo del mio cuore … senza nessun doppio fine, senza nessun doppio senso.


E ora… ora che io ho bisogno di una mano per non cadere nel baratro…non c’è nessuno!!!!


Secondo me può anche succedere che una persona ti ami e tu non te ne accorga. Ma quando una che ti ha amato smette di farlo è impossibile non accorgersene.


Quando una persona non ti ama più, non ti desidera più, non ti cerca più… te ne accorgi… eccome!
Non puoi non accorgertene. Anche se l’altra persona dice che non è vero!


Il problema non è quanto aspetti, ma chi aspetti


E io… chi aspetto??


Non lo so! Un uomo tutto mio che mi ami, che mi desideri, che mi riempia di coccole e che mi faccia sentire desiderata! Chiedo troppo? Forse!


Ma… “è una vita che ti aspetto” …. E forse stai arrivando!!!!

mercoledì 12 marzo 2008

Amico assoluto

 

 

Non meritiamo la felicità,

Insoddisfatti sempre la vita se c'è è una stagione qualunque.
Riposa sogno, non svelarti più
non puoi bruciarti anche tu
La rabbia oramai ha chiuso gli occhi e la mente
Com'eri importante
.


Qui finisce il mondo, la nostra complicità
l'amore si arrende

Vincere senza più regole
senza onestà, ti offende
.

 

Resti lì indeciso, sospeso sopra di noi
nè ali nè vento

Ecco il grande sogno schiacciato dalla realtà
Un po' di pietà
...

 

Addio poeti, artisti e navigatori, umanità a colori
Almeno voi abbiate giorni migliori.

 

Qualcuno dica no, qualcuno si impegni
che è poi la verità a nutrire i sogni
Più fantasia così non ti spegni.
Qualcuno lo insegni.

 

Io non ti ho venduto, io non ti tradirei mai
amico assoluto
Vieni da lontano che Cristo ti dedicò
il suo accorato saluto.

 

E per tutti i figli che non ti accendono più
la nostra preghiera
Che la fatica possa stanarci e portarci da te... ancora!
Vola... Vola...
Nè orgoglio nè paura..

 

Torna prepotente intrigante, armi ne hai
Sei nato vincente
Sfidaci a combattere il buio dentro di noi
a uscire dal niente

 

Scalda questi venti di pace e sincerità
di musica nuova
Per raccontarci un sogno sospeso, lasciato a metà
Un uomo lo sa che esiste un disegno

 

Incontriamoci là
All'alba di un sogno...

 - Renato Zero -


domenica 9 marzo 2008

Fabio Volo al Teatro Diana


Fabio Volo... al Forum Fnac... spostato al Teatro Diana.
Era più di un mese che aspettavamo quest'incontro.


La mia amica Simona non stava più nella pelle!

Pomeriggio libero al lavoro e via ...alle 16 e 45 eravamo già lì, anche se l'incontro cominciava alle 18!


L'occasione è la presentazione dell'ultimo libro: "Il giorno in più", ma in realtà il pomeriggio è stato più un incontro con un amico... uno di noi che aveva la fortuna di sedere sul palcoscenico del Diana invece che in platea con noi!

Chi è Fabio Volo?? Sono sincera. Non l'ho mai sentito in radio, non ho visto (ancora) il suo ultimo film però ho letto i suoi tre precedenti libri:
- Esco a fare due passi
- E' una vita che ti aspetto
- Un posto nel mondo


E' stato un colpo di fulmine. Scoppiato addirittura ad Alessandria!
Ero con mio zio, nel settembre del 2005 in giro per la Feltrinelli di Alessandria.. l'unico negozio aperto di domenica pomeriggio.
Girovagando tra i libri lui prende "E' una vita che ti aspetto" mi fa "L'hai letto?"
Mi colpì subito il titolo.. e l'abbiamo comprato subito.
Letto d'un fiato nelle ore di treno trascorse per ritornare a Napoli.
E appena arrivata a casa ... ho comprato subito gli altri.


Venerdì ho avuto modo di vederlo da vicino, dal vivo, di sentirlo parlare e discutere con il pubblico.
Una persona simpatica, gentile e soprattutto semplice... senza "montature" e atteggiamenti da "super-uomo" che spesso hanno i suoi colleghi.
Una persona che si mostrata schietta a raccontare la sua vita prima di raggiungere il successo... che ha raccontato di sè e della sua famiglia...

Sono rimasta colpita dalla sua sincertità e dal suo modo di parlare ai giovani.
Il suo modo di "tenere il palco" ..

E adesso non mi resta che leggere il suo ultimo libro e ringraziare la Simo che me l'ha regalato stamattina!!!!


Galleria fotografica... nelle mie foto!

 

giovedì 6 marzo 2008

Non ci facciamo compagnia

 

Come ami tu... Non si ama mai
Non lasci niente al caso tu...
Sorridi poi ti butti giù
E' strano come ami tu
Lo fai di più di più di me
E me lo sento addosso...
E io a rincorrerti...A dirti che …
Ti amo come mi ami tu
Ma tu di più ... ma tu di più
io qui in ombra e senza cielo
Come un fiore in un cortile
Ma tu di più ... Ma tu di più
Sempre più forte e solo tu
Non ci facciamo compagnia

Noi non ci facciamo compagnia
Bruci vita e fai volare il tempo
io ti vengo dietro ma in affanno
Stanco di doverti e di spiegarti

Che un amore vero sa tacere!!!
Noi non abbiam più la stessa ora...
Tu dormi e io passeggio in un cortile


Come ami tu ... non si ama mai
Solo una volta in una vita
Te ne convinci sempre piu’
Vorrei spiegarti invece che
Vorrei da te serenità ... La parola amore
No
... Non basta più ... non è più qui
E' quindi un vivere a metà
Ma tu di più ... Ma tu di più
Sempre più forte e solo tu
Non ci facciamo compagnia

Noi non ci facciamo compagnia
Bruci vita e fai volare il tempo
io ti vengo dietro ma in affanno
Stanco di doverti e di spiegarti
Che un amore vero sa tacere!!!
Noi non abbiam piu’ la stessa ora...
Tu dormi e io passeggio in un cortile

 

- Biagio Antonacci -

 

domenica 2 marzo 2008

In assenza di te


Io come un albero nudo nudo senza te
senza foglie e radici ormai
abbandonata così
per rinascere mi servi qui non c'è una cosa che non ricordi noi
in questa casa perduta ormai
mentre la neve va giù
è quasi Natale e tu non ci sei più


E mi manchi amore mio
tu mi manchi come quando cerco Dio
e in assenza di te
io ti vorrei per dirti che
tu mi manchi amore mio
il dolore è forte come un lungo addio
e l'assenza di te
è un vuoto dentro me
perchè di noi
è rimasta l'anima
ogni piega, ogni pagina
se chiudo gli occhi sei qui
che mi abbracci di nuovo così
e vedo noi stretti dentro noi
legati per non slegarsi mai
in ogni lacrima tu sarai per non dimenticarti mai



E mi manchi amore mio
così tanto che ogni giorno muoio anchi'io
ho bisogno di te
di averti qui per dirti che

Tu mi manchi amore mio
Il dolore è freddo come un lungo addio
e in assenza di te
il vuoto è dentro me


Tu mi manchi amore mio
e mi manchi come quando cerco Dio
ho bisogno di te
il vuoto è dentro me


Grido il bisogno di te
perché non c'è più vita in me
Vivo in assenza in assenza di te.

- Laura Pausini -