venerdì 2 maggio 2008

2 Maggio


Eccolo qui... puntuale come ogni anno... ritorna...
Con gli anni avrei dovuto sviluppare una leggera amnesia protettiva.
Nascondere nell’ultimo cassetto i ricordi più tristi.

Allontanarli da me.

Non dovrei permettere al ricordo di un dolore di essere ancora doloroso.
Cerco di esercitare il mio controllo, ma non riesco ad arginare le malinconie e le paure che mi assalgono.
Nascondo le cicatrici, per non permettergli di tornare a sanguinare.
Cercare di dimenticare il passato non mi aiuta, inevitabilmente continuo a scivolarci dentro.

E’ ancora dentro di me.

Angoscia.

Era mio quel corpo rannicchiato
Era mio quel vuoto immenso, l’unico che riuscisse a riempirmi.
Ero io che continuavo a scivolare.
Ero io quella che chiedeva disperatamente aiuto.
Ero io quell’ombra che ha rischiato di perdersi nel buio della notte.

Ma ora sono io quella che è tornata a camminare.
E' mio quel sorriso.
E' mia quella voglia di andare avanti... e continuare a vivere e superare il dolore che mi porto dentro giorno dopo giorno, anno dopo anno...