venerdì 29 aprile 2011

Un giorno - David Nicholls

Finalmente l'ho finito!

Ho iniziato a leggerlo a Febbraio per un GDL.
Le aspettative erano molte. Ne parlavano tutti benissimo.
Ma forse la concomitanza con l'uscita dei dentini di Sofia me l'ha fatto rendere ancora più noioso.

Ho abbandonato subito il GDL perchè proprio non riuscivo a seguire i tempi, ma ho continuato stoicamente la lettura da sola. Non si dica mai che ho abbandonato un libro!!!

Una profonda delusione.
L'idea di raccontare UN GIORNO, quel 15 luglio di ogni anno poteva anche essere carina, ma a volte mi è sembrato un po' frammentario dividere ogni capitolo. La storia sembra interrompersi proprio quando sta per succedere qualcosa. E poi... il capitolo successivo magari parla di due o più anni dopo!

Mi è piaciuta però la descrizione di alcuni momenti fatta con ironia e buona tecnica in cui si mettono in luce i difetti dei personaggi.
I due protagonisti "Em&Dex",  Emma e Dexter non mi sono piaciuti. Fin dall'inizio.
Lei  che almeno all'inizio della storia non riesce a prendere decisioni e si lascia "trasportare" dagli eventi è a dir poco irritante. Lui ... è secondo me un perfetto idiota!
Ero però curiosa di sapere dove questa storia andava a finire... anche se poi sul più bello qualcuno mi ha detto la fine e mi ha rovinato la sorpresa!

Il finale che non scrivo perchè magari qualcuno ha voglia di leggerlo mi ha lasciato l'amaro in bocca. Ma forse... era l'unico finale per questo libro che in generale mi è sembrato "piatto".

L'accostamento a Nick Hornby poi ... è davvero improponibile!!!
Concludendo... so di far arrabbiare qualcuno, ma per me tre stelli anobiane son anche troppe!

venerdì 22 aprile 2011

BUONA PASQUA!

martedì 19 aprile 2011

Un dolce rapido e d’effetto: Piccole Teste di Moro al cocco

Sabato Sofia aveva ospiti. Invitati da mamma e papà per bere il “Santa Sofia” che ci avevano regalato sono venuti Zio Leo e Zia Lisa.


Ho pensato di preparare un dolce veloce veloce…

Ingredienti

250gr Farina di cocco
250gr Ricotta
1 conf. di Cacao dolce
1 bicchiere di Vermouth (io di solito metto il Martini bianco)

ProcedimentoAmalgamare la farina di cocco e la ricotta fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Aggiungere il vermouth e continuare ad amalgamare fino a che il vermouth non si sia amalgamato completamente.

 
Fare tante piccole palline.

In un piattino versare un po’ del cacao dolce passare nel cacao le palline.


E voilà!!


Conservare in frigo e tenerle fuori una ventina di minuti prima di servirle.
Di solito la piramide mi viene meglio.
Per creare un po’ di scena si può conservare un po’ di farina di cocco e per “infarinare” metà delle palline. La piramide può essere creata alternando una pallina bianca e una nera.
Volevo farlo…. Ma ho dimenticato di mettere da parte la farina di cocco!! Sarà per la prossima volta.
Con questa ricetta partecipo al 2° Contest di Mamma Papera: In 20 minuti o meno: ricette speed per gente MOLTO occupata



lunedì 18 aprile 2011

Il maritino in cucina

Qualche giorno fa il maritino mi ha girato una nuova ricetta: zucchine ripiene
Gli ho “consigliato” di mettersi subito ai fornelli.
E vi giuro che il maritino in cucina è davvero uno spettacolo!!!


Questa la ricetta:
Ingredienti per 2 persone:
  • 4 zucchine tonde;
  • 1 confezione di ricotta;
  • 100g di scamorza affumicata;
  • Prosciutto cotto a cubetti q.b.;
  • Scalogno q.b.;
  • Sale e pepe q.b.;
  • Olio extra vergine di oliva (2 cucchiai);
  • Vino bianco
  • Parmigiano e Pecorino Romano grattugiati;
Tagliare la calotta alle zucchine, svuotatele e lessatele per una decina di minuti in acqua salata. Una volta cotte, lasciarle raffreddare a testa in giù.

Saltare in padella la parte interna delle zucchine, con un cucchiaino d’olio, scalogno, sale e qualche cubetto di prosciutto cotto.  Il composto deve essere una purea non troppo liquida.

Aggiungere alla purea ormai fredda la ricotta, la scamorza a cubetti, i formaggi grattugiati, sale e pepe.

Sistemare  le zucchine in una teglia in cui stiano piuttosto strette, per evitare che diventino troppo asciutte in cottura,  aggiungere un cucchiaio d’olio, un bicchiere di vino bianco ed eventualmente un po’ d’acqua. Ricoprire le zucchine con il loro “cappelletto”, cuocere nel forno a 200 gradi per 45 minuti circa (forno già caldo).

Lasciar intiepidire e servire. Ed ecco il risultato


In abbinamento il maritino sommelier ha scelto un bel rosato non troppo alcolico, di discreta acidità e sapidità.

E’ stata proprio una bella domenica!!!!

venerdì 15 aprile 2011

Cattivissima mamma!

E’ già un po’ che ci penso.
Poi il giveaway di MammaMoglieDonna mi ha spinto ancora di più a pensare a come sono mamma.


Certo Sofia è ancora piccola, è presto per essere giudicata, soprattutto da lei.
Ma spesso mi guardo intorno, mi confronto con le altre mamme e penso di essere una “cattivissima mamma”. L’ho detto per scherzo un giorno a Sofia che piangeva disperata perché le stavo facendo il bagnetto.
E così, tra il serio e il faceto…

Ci sono giorni in cui mi sento una pessima madre perché sono riuscita ad allattare Sofia per pochissimo tempo. Se solo avessi saputo ad agosto tutto quello che so ora… forse sarebbe stato diverso.
Se solo in ospedale mi avessero dato il sostegno necessario avrei avuto la possibilità di farla attaccare bene al seno e avrei evitato il LA. E questa cosa mi fa stare male. Più di quanto io voglia ammettere.
Sono una “cattivissima mamma” perché ho allattato mia figlia solo per due mesi scarsi …

Qualche giorno fa chiacchieravo con mia cugina che è in attesa di un maschietto che nascerà a settembre. Aveva appena fatto l’amniocentesi. Mi ha detto che era triste. E che si sentiva in colpa. In colpa per aver fatto un esame così invasivo per il bimbo.
Esattamente un anno fa anche io ero in attesa dei risultati dell’amnio. Un’attesa che sembrava interminabile. Piena di ansie e preoccupazioni. Ma giuro MAI e poi MAI mi sono sentita in colpa.
Sono una “cattivissima mamma”.

Per i primi tre mesi di vita Sofia ha sofferto con le colichette. Per ovviare a questo problema, ai tanti consigli si è aggiunto quello di un’amica che mi ha consigliato di acquistare il biberon anticoliche della Mebby. Ottimo acquisto. Solo dopo averlo comprato ho visto che era senza Bisfenolo A.
Mi sono informata un po’ in giro e ho scoperto che è stata vietata la produzione di biberon contenenti questa sostanza.
Ma possibile che non lo sapevi? E’ scritto ovunque che il Bisfenolo A influenza lo sviluppo cerebrale del bambino e provoca sterilità maschile.
Beh, grazie a Dio Sofia è una femminuccia. E comunque NO non l’ho letto da nessuna parte. E non mi sono informata.
Sono una “cattivissima mamma”.
Ovvio che i biberon acquistati dopo sono tutti assolutamente SENZA il bisfenolo A . Hai visto mai….???

Nel forum che frequento ci sono le mamme che parlano di cibo biologico, (mai gli omogeneizzati, mi raccomando, oppure che siano SOLO biologici!!!!!) pannolini ecologici, creme senza questo o quello ….

Per Sofia fin dall’inizio dello svezzamento ho comprato farine e omogeneizzati NON biologici. Quelli della Mellin.
Ma sei pazza? La Mellin aggiunge zuccheri e aromi. Ma la leggi la lista degli ingredienti?
NO! Non ho mai letto l’elenco degli ingredienti degli omo con attenzione. La pediatra ha detto che erano ok. E questo mi è bastato.
Sono una “cattivissima mamma”.

Uso quintali di pannolini Pampers. Non ho mai pensato nemmeno per un attimo di usare i pannolini ecologici. Mi fa già schifo così … figuriamoci poi a fare lavatrici su lavatrici di panni sporchi.
Sono una “cattivissima mamma”.

Per le cremine antiarrosamento ci sono pagine e pagine di studio in cui si spiegano i benefici delle creme all'ossido di zinco. O pagine e pagine che invece spiegano che assolutamente non si deve usare.
Io mi sono fidata dei consigli della dottoressa che lavora nella parafarmacia di fiducia. Non ho mai avuto nessun tipo di problema.
Sono una “cattivissima mamma”.
Anzi dirò di più.
Per un paio di giorni Sofia ha avuto il sederino arrossatissimo. Ho risolto il problema usando la crema che mi ha consigliato …. il tatuatore quando ho fatto il mio terzo tatoo!!!!!!
Sono proprio una “cattivissima mamma”.

Con l’inizio dello svezzamento Sofia ha avuto qualche problemino di stitichezza. Parlandone con un’amica che ha un bimbo di poco più grande mi ha detto di avere lo stesso problema. Sperando di avere un po’ di conforto le ho chiesto come stava risolvendo il problema.
L’ho portato dal gastroenterologo che mi ha dato delle bustine da sciogliere nell’acqua due volte al giorno!
Io le ho dato…. la prugna!!!!!! E per di più omogeneizzata!!!!
Sono troppo una “cattivissima mamma”.

Figlia mia … potrai mai perdonare questa tua “cattivissima mamma” che però ti ama più di ogni altra cosa al mondo??????

mercoledì 13 aprile 2011

La nanna di Sofia

L’addormentamento di Sofia è diventato per noi un vero incubo.
Di giorno la piccola peste si addormenta a casa dei nonni in meno di 10 minuti.
La sera per la gioia di mamma e papà di andare a nanna non ne vuol proprio sapere.
Ogni sera pianti, urla e disperazione anche per 40 minuti buoni fino a che poi non crolla sfinita.

Non riesco a capire il perché. Ci sono sere che è così stanca che la testolina ciondola di lato, ma quando la prendi cominciano urla tremende…
Forse ho sempre sbagliato a farla addormentare in braccio e poi metterla nel lettino.

Io e il maritino siamo sfiniti da questa situazione. Soprattutto ci dispiace per lei, che a volte sembra addirittura perdere fiato e non respirare per quanto urla!
Ho cercato di documentarmi un po’ sui vari “metodi di addormentamento”.

Ognuno ha i suoi pro e i suoi contro. E comunque credo che ogni “metodo” debba essere adattato al bimbo.
Così io e il maritino ne abbiamo parlato e abbiamo deciso per una sorta di “mix di metodi” che potesse andar bene per Sofia.

E così ieri sera dopo cena le ho cambiato il pannolino, le ho messo il pigiamino e l’ho messa direttamente nella culla.
Per un po' si è guardata intorno, poi ho acceso il Proiettore Buonanotte Stelline della Chicco e sono rimasta seduta accanto al lettino.
A quel punto ha cominciato ad agitarsi, cercava di alzarsi e tendeva le manine per essere presa. Ma io con calma le davo la manina, l’accarezzavo e le ripetevo che era tardi e che doveva fare la nanna.
Dopo mezz'ora dormiva tranquilla.
Non mi sembra vero!!!
Speriamo non sia solo un caso. Stasera ci riproviamo.

domenica 10 aprile 2011

a cena da noi!

Eravamo ansiosi di assaggiare il nuovo cuore di Brodo Knorr appena arrivato.
Il primo assaggio è stato quello Delicato…fatto solo con la pasta. Delizioso.
Ma l’idea era quella di provarlo con un piatto “ricco”!!!
L’occasione è nata ieri sera, quando Zio Marco e zia Dina si sono autoinvitati a cena.


L’idea era di mangiare una pizza, ma il maritino ha deciso di preparare uno dei suoi piatti forti: il risotto all’amarone.
Ovviamente invece di mettere il classico dado da brodo… ha utilizzato il nuovissimo Cuore di Brodo Manzo.
La differenza c’è… e si sente!!!!
Il tocco di sapore dato dal cuore di brodo è davvero esaltante e ha reso il risotto ancora più buono, invitante e profumato.
Ad accompagnare la cena oltre all Amarone avanzato abbiamo bevuto un ottimo Valtellina Superiore Inferno, regalo di Zia Dina.

Per gradire poi… un po’ di mozzarella di bufala e insalata!
Eccoci qui!!!


venerdì 8 aprile 2011

io e la dieta - aggiornamento 3

Ho ricevuto in regalo una bellissima bilancia pesapersona computerizzata che segnala ogni volta la variazione di peso.
Si memorizza il peso iniziale e poi di volta in volta la bilancia "ricorda".
Ha un indicatore luminoso che si accende ed indica:

Luce Arancio peso stabile
Luce verde perdita di peso (indica anche di quanto!!!)
Luce Rosa aumento di peso

Stamattina mi sono pesata:

LUCINA VERDE!!!!!!!!!!
la mia bellissima bilancia nuova segnava che ho perso:


giovedì 7 aprile 2011

I Libri di Lucia Salemi per Sofia

Bella sorpresa nella posta di ieri!
Sono arrivati i libri di Lucia Salemi
Ho partecipato al suo giveaway e per il rotto della cuffia e grazie alla sua gentilezza ho vinto il libro messo in palio. Ma la sorpresa è che i libri sono due!!!!



Sofia è ancora piccina per questi libri. Ma a quanto pare... ne era entusiasta anche lei!!!


Speriamo che l'amore per la lettura che abbiamo io e il suo papà le sia stato trasmesso "geneticamente"!!!!
Grazie ancora a Lucia per i suoi meravigliosi libri.

mercoledì 6 aprile 2011

Il Cuore di Brodo Knorr

Non vi ho mai raccontato della bellissima esperienza che sto facendo con tnrd.
Sofia era appena nata e avevo poco tempo per scrivere sul blog quando mi sono iscritta al sito (trovate il link nella sidebar di sinistra) e sono diventata tester di alcuni prodotti.
La prima volta ho partecipato al progetto del cioccolato Ritter.
Gran bella cosa... un po' meno per la mia dieta!!!!

La settimana scorsa ho avuto la bella notizia di essere entrata a far parte dei 2500 tester del "Cuore di Brodo Knorr".
Dopo qualche disavventura del corriere finalmente è arrivato il bel pacchetto che contiene:
- 2 confezioni “standard” per ciascun tipo di Cuore di Brodo Knorr: Manzo - Delicato - Verdure;
- la guida al progetto con alcune ricette;
- 30 campioncini assortiti e 30 buoni sconto da distribuire tra amici e parenti per coinvolgerli nel test;
- questionari da compilare per raccogliere le varie opinioni.


Il Cuore di Brodo è la novità della Knorr.  La confezione è una vaschetta monodose che permette di utilizzare il prodotto tutto in una volta senza lasciare inutilmente barattoli aperti per lunghi periodi.
E' preparato con ingredienti naturali, non ha glutammato aggiunto, è senza conservanti, senza glutine ed è a basso contenuto di grassi.
Può essere utlizzato sia da solo per preparare un bel brodo oppure essere aggiunto a piatti e minestre per arricchirne il sapore.
Ci sono tre varianti:
1) Cuore di Brodo Delicato: ideale per le ricette a base di carni bianche o pesce;
2) Cuore di Brodo Manzo: per preparare risotti, secondi e sughi di carne o per preparare un delizioso brodo;
3) Cuore di Brodo Verdure: ideale per cucinare primi, secondi e contorni a base di verdure o per preparare un‘ottima zuppa.

Ho già distribuito i campioni ad amici e parenti e "li sto marcando ad uomo" per conoscere le loro impressioni.
Quanto a me... sto aspettando il week end per preparare un pranzetto al maritino e scoprire questo nuovo prodotto.
A proposito: qualche ricetta facile da consigliarmi??

E ora qualche piccola spiegazione su TRND:
E' una community di marketing partecipativo più grandi del mondo.
Si può prendere parte ai progetti di marketing delle marche e prodotti preferiti.
I membri di trnd hanno la possibilità di conoscere nuovi prodotti, di testare prodotti che vengono spediti a  casa gratuitamente.
L'iscrizione e la partecipazione ai progetti trnd è gratis e senza impegno.  
Come già detto trovate il link per iscrivervi nella sidebar a sinistra.