lunedì 20 febbraio 2012

Un week end a Firenze

Dopo due false partenze… la prima causa febbre (Sofia si è svegliata con la febbre alta proprio il giorno della partenza) e la seconda causa gelo (volevamo partire noi e l’Italia si è spostata al Polo Nord!) venerdì 17 sfidando ogni superstizione ci siamo messi in viaggio: destinazione Firenze!


Il viaggio in auto è stato ovviamente più lungo del previsto. La piccola ha necessità diverse dalle nostre e le soste in autogrill sono state necessariamente più numerose.

Siamo arrivato nel primo pomeriggio e approfittando di un bel clima freddo, ma non gelido abbiamo cominciato a girare un po’ per il centro tutto pedonale. Sofia quasi non ci credeva che poteva camminare da sola!

Per cena il maritino aveva prenotato un bel ristorante famoso per le buonissime fiorentine. Alle 19.30 c’era già la fila di persone che aspettava il proprio turno. Peccato non avessero un sediolone, così è risultato scomodo per Sofia che tra l’altro era stanchissima e noiosa. Risultato: lei ha mangiato pochissimo e il povero maritino si è ingozzato una fiorentina di un chilo in pochissimo tempo. Alle 20.30 eravamo praticamente già in strada. La stanchezza ha preso anche noi, così siamo ritornati in albergo per “ricaricarci!!!
Grande soddisfazione è stata camminare per le strade di Firenze proprio mentre il Napoli giocava contro la Fiorentina e vinceva!!!
Io e Sofia correvamo urlando "Edinsooooon Cavani"!!!!!! 

Sabato mattina, sveglia alle 8, veloce colazione e via!!!
Un solo giorno a Firenze: la città merita sicuramente di più, ma a noi interessava girare!!!
Prima tappa: piazza del Duomo, dove c’è la cattedrale di Santa Maria del Fiore con la bellissima cupola, simbolo di Firenze, capolavoro di Filippo Brunelleschi. L’idea di salire sulla cupola ci era venuta, ma con il passeggino e Sofia non sarebbe stata una cosa facile, così abbiamo soprasseduto. Così come non siamo saliti sul campanile di Giotto, altro punto panoramico della città. Di fronte al Duomo poi c’è il più antico Battistero di San Giovanni.

Anche questo l’abbiamo visto solo da fuori. Ora io non voglio fare polemica, ma qui si paga tutto!!!!! Non c’è una cosa da visitare che non si paghi. E sinceramente fare le file e spender soldi con una bimba non proprio interessata ai monumenti non ci è sembrata una cosa da fare!
Ecco il risultato quando abbiamo provato a mettere Sofia sul passeggino per entrare nel Duomo.




Camminando camminando siamo arrivati in piazza della Signoria, il cuore politico di Firenze. Qui c’è il Palazzo della Signoria o Palazzo Vecchio, la sede del Comune di Firenze oltre che importante museo. Per entrare nel cortile non si paga, così abbiamo potuto vedere la fontana con il putto di Verrocchio e gli affreschi di Vasari.



Sofia però si è divertita di più a scorrazzare per la piazza inseguita dal papino. Il suo divertimento più grande è stato inseguire i colombi. E poi salutare e giocare con tutti e dico proprio TUTTI i cani di Firenze. Spesso all’improvviso cominciava ad urlare BABABABABA se a distanza di chilometri avvistava un cane!!!!


Collegato a Palazzo Vecchio c’è l’imponente edificio degli Uffizi. Non voglio nemmeno dirvi la coda che c’era per entrare. Per questo abbiamo proseguito per Ponte Vecchio, altro simbolo della città, il ponte che ha resistito alle distruzioni belliche e alle piene del fiume Arno e che dal 1500 è la sede delle botteghe degli orafi.




Mentre ammiravamo le eleganti vetrine Sofia ha deciso che era giunta l’ora della pappa: Eccola qui mentre è intenta a scegliere dal menu che cosa mangiare.



Dopo un lauto pranzo, durante il quale il maritino si è pappato un’altra bella fiorentina, abbiamo proseguito fino a Palazzo Pitti.

Avremmo voluto visitare anche il meraviglioso parco, il Giardino di Boboli, ma uno si paga, due Sofia si è addormentata. Quindi abbiamo deciso di proseguire il nostro cammino tornando indietro; abbiamo costeggiato l’Arno e pian piano siamo arrivati alla Basilica di Santa Maria Novella. Ma abbiamo scoperto che anche qui è tutto a pagamento e quindi abbiamo proseguito dedicandoci ad uno shopping “sfrenato”.




Siamo tornati indietro fino a Piazza della Repubblica dove abbiamo trovato l’8° Fiera del cioccolato! Io e il maritino abbiamo girato tutti gli stand e alla fine in barba alla dieta abbiamo anche mangiato tantissimo cioccolato.





Avevo promesso a Sofia di portarla al negozio di "Topolino", così ci è toccata la sosta obbligata al Disney Store. Vedere la faccia contenta di Sofia in mezzo ai bimbi e ai giochi mi ha ben ripagato dei tanti soldini spesi lì dentro!!!!
Alle 19.30 siamo tornati in albergo distrutti. Io e il maritino eravamo davvero stanchissimi, ma alle 20 siamo usciti di nuovo per andare a cena. Poi subito a nanna, nonostante la serata finale di Sanremo.
Domenica ci siamo svegliati con il brutto tempo, perciò l’idea di fare un ultimo giretto è stata subito abbandonata. Abbiamo lasciato l’albergo e ci siamo rimessi in viaggio.
E’ stato un week end intenso e stancante, ma passare tre giorni interi “in famiglia” ci ha fatto bene. Abbiamo staccato da tutto e da tutti.
Però stamattina lasciare Sofia dalla nonna… è stato ancora più duro delle altre mattine!

1 commenti:

viola80 ha detto...

Un bellissimo week-end in famiglia!!! Troppo buffa la foto di Sofia che si ribella al duomo!!!

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...