sabato 4 gennaio 2020

I libri di dicembre

L'anno di letture si chiude con tre libri di tre autori molto diversi, due sicuramente sono tra i miei preferiti.

1. Lungo petalo di mare di Isabel Allende
2. Nozze per i Bastardi di Pizzofalcone di Maurizio de Giovanni
3. Piccoli suicidi tra amici di Arto Paasilinna


Isabel Allende. Io l'adoro. Nonostante ora le mie letture sono tutte "digitali", dell'Allende compro ancora i cartacei. Li ho tutti, occupano un intero scaffale della libreria di casa. Non potevo quindi non comprare e leggere l'ultimo lavoro: Lungo petalo di mare.

1939. Alla fine della Guerra civile spagnola, il giovane medico Víctor Dalmau e un’amica di famiglia, la pianista Roser Bruguera, sono costretti, come altre migliaia di spagnoli, a scappare da Barcellona. Attraversati i Pirenei, a Bordeaux, fingendosi sposati, riescono a imbarcarsi a bordo del Winnipeg, il piroscafo preso a noleggio da Pablo Neruda per portare più di duemila profughi spagnoli in Cile – il “lungo petalo di mare e neve”, nelle parole dello stesso poeta –, in cerca di quella pace che non è stata concessa loro in patria. Lì hanno la fortuna di essere accolti con generosa benevolenza e riescono presto a integrarsi, a riprendere in mano le loro vite e a sentirsi parte del destino del paese, solo però fino al golpe che nel 1973 fa cadere il presidente Salvador Allende. E allora, ancora una volta, si ritroveranno in esilio, questa volta in Venezuela, ma, come scrive l’autrice, “se si vive abbastanza, i cerchi si chiudono”.

La Storia è quella della guerra civile spagnola degli anni ’30, che portò Franco al potere, e del golpe di Pinochet, che portò la dittatura in Cile. E accanto alla Storia, le storie: quella di Roser, donna forte e coraggiosa, Vìctor, medico dell’esercito repubblicano, Aitor, contrabbandiere dal cuore grande e tanti, tanti altri. La mente della Allende produce milioni di personaggi, ognuno con le sue caratteristiche ben definite. Ed è difficile non innamorarsene... 

All'inizio di questo mese è uscito in libreria Nozze per i Bastardi di Pizzofalcone di Maurizio de Giovanni. Anche De Giovanni, non tutta la sua produzione per la verità, è tra i miei scrittori preferiti. I Bastardi poi... mi sono proprio entrati nel cuore, anche in versione televisiva, seppur con un non convincente Alessandro Gassmann

Una ragazza, nuda, in una grotta che affaccia su una spiaggia appartata della città; l'hanno uccisa con
una coltellata al cuore. Un abito da sposa che galleggia sull'acqua. In un febbraio gelido che sembra ricacciare indietro nell'anima i sentimenti, impedendogli di uscire alla luce del sole, Lojacono e i Bastardi si trovano a indagare su un omicidio che non ha alcuna spiegazione evidente. O forse ne ha troppe. Ognuno con il proprio segreto, ognuno con il proprio sogno ben nascosto, i poliziotti di Pizzofalcone ce la metteranno tutta per risolvere il mistero: la ragazza della grotta lo esige. Perché non solo qualcuno le ha tolto il futuro, ma lo ha fatto un attimo prima di un giorno speciale. Quello che doveva essere il più bello della sua vita.


Se in ogni libro occorre riassumere la vita precedente di tutti i personaggi la narrazione diventa pesante, fiacca, e perde quella freschezza che era la caratteristica dei suoi romanzi. 
Fra tutti i libri dei Bastardi, questo è quello che mi è piaciuto di meno. Consigliato, perché De Giovanni è pur sempre De Giovanni, ma speriamo in un prossimo un po' più "svelto"!  


L'ultimo libro del mese e dell'anno e un libro del GDL. Con le mie amiche abbiamo letto Piccoli suicidi tra amici di Arto Paasilinna.

Un bel mattino Onni Rellonen, piccolo imprenditore in crisi, e il colonnello Hermanni Kemppainen, vedovo inconsolabile, decidono di suicidarsi. Il caso vuole che i due uomini scelgano lo stesso granaio per mettere fine ai loro giorni. Importunati dall'incontro fortuito, rinunciano al comune proposito e si mettono a parlare dei motivi che li hanno spinti alla tragica decisione. Pensano allora di fondare un'associazione dove gli aspiranti suicidi potranno conoscersi e discutere dei loro problemi. Pubblicano un annuncio sul giornale. Il successo non si fa attendere, le adesioni sono più di seicento. Dopo un incontro al ristorante, decidono di noleggiare un autobus e di partire insieme. Inizia così un folle viaggio attraverso la Finlandia...


Dovrebbe essere un libro ironico, ma l'ironia di Paasilinna non mi piace, non la capisco forse. La cosa che più mi ha colpito nel libro è la capacità dell'autore di rendere gli avvenimenti surreali dei protagonisti in eventi dal sapore quasi ordinario. Questo mi è molto piaicuto! Tre stelle.



Un appunto sulle letture di quest mese. Con Sommo dispiacere ho iniziato e abbandonato Quantum di Patricia Cornwel

Alla vigilia di una missione spaziale top secret, il capitano Calli Chase si rende conto che nei tunnel
sotterranei del centro di ricerca della NASA qualcosa non va. Pilota della NASA, ingegnere aerospaziale e investigatrice specializzata in cybercriminalità, Calli sa bene che una tempesta incombente, unita a un guasto nei sistemi di sicurezza, può fornire la copertura perfetta per un sabotaggio, con conseguenze fatali. Ma il pericolo è persino peggiore: tracce di sangue secco nei sotterranei, un badge di sicurezza mancante, uno strano suicidio... tutto fa convergere i sospetti sulla gemella di Calli, Carme, scomparsa in missione da giorni. Nel disperato tentativo di evitare la catastrofe e riabilitare l'immagine della sorella, il capitano Chase deve mettere in campo tutte le sue conoscenze e affrontare un passato familiare doloroso. Mentre il tempo sta per scadere, Calli si rende conto che fallire significa mettere la parola fine non solo a un importante programma spaziale ma alla sicurezza di un'intera nazione. Una serie thriller dove cybercriminali, forze governative e un'eroina si danno la caccia nel disperato tentativo di impedire - o favorire - un drammatico sabotaggio.

Abituata a ben altro  questo nuovo filone mi e' stato assolutamente incomprensibile. Non riesco a dire altro.





Nessun commento:

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...