sabato 7 dicembre 2019

I libri di novembre


Quattro libri a Novembre è un gran bel risultato visti i mesi appena passati!!

1. Sorelle sbagliate di Alafair Burke
2. La memoria rende liberi di Liliana Segre
3. Come piante tra i sassi di Mariolina Venezia
4. Qualcosa di personale di James Patterson

Avevo voglia di un bel thriller e questo titolo mi ispirava tanto. Così da sola ho iniziato Sorelle sbagliate di Alafair Burke

Chloe è la più giovane delle sorelle Taylor, ma è sempre stata la più amata, forse perché nella sua vita tutto è sempre apparso sotto controllo. Invece Nicky… La scapestrata Nicky. Quella che ha sempre combinato tanti casini. Che ha sempre bevuto un po' troppo. Che ha sposato d'impulso il giovane avvocato Adam Macintosh e ha avuto un bambino, ma non sa essere né moglie né madre.
Oggi, Chloe e Nicky sono due perfette estranee. Nicky è rimasta a Cleveland, sola. Chloe lavora a New York in un importante giornale di moda. Ce l'ha fatta. Non solo: si è presa qualcosa che apparteneva a Nicky. È stato più forte di loro: lei e Adam si sono innamorati. D'altra parte Nicky, quella volta, l'aveva fatta grossa, e quando Adam ha visto il suo bambino in pericolo, ha deciso che era troppo.
Adesso Chloe e Adam sono sposati, e insieme stanno crescendo Ethan, il figlio che Nicky non ha saputo amare. Ma quando Adam viene trovato morto sul pavimento della loro casa di vacanza negli Hamptons, una serie di dubbi comincia ad affacciarsi nella vita di Chloe. Dubbi sul marito, che ultimamente era sempre più reticente a parlare del proprio lavoro. Dubbi sul figlio, che l'adolescenza ha decisamente messo in crisi. E perfino dubbi su se stessa. Perché la verità è molto più di quello che l'apparenza lascia credere. E la vita troppo spesso ci fa dimenticare le cose più vere.
Il nuovo grande thriller dell'autrice de La ragazza nel parco è semplicemente un vortice di sorprese, da cui non saprete staccarvi.

Più che un thriller può definirsi un vero e proprio legal thriller. Ambientata ai nostri giorni, la storia ti cattura e ti fa scorrere velocemente il libro. Consigliato!

Con le amiche del GDL abbiamo letto un libro di Liliana Segre: La memoria rende liberi.
Sull'onda dell'emozione del giorno della memoria abbiamo deciso di leggere questo libro scritto con Enrico Mentana

"Un conto è guardare e un conto è vedere, e io per troppi anni ho guardato senza voler vedere." Liliana
ha otto anni quando, nel 1938, le leggi razziali fasciste si abbattono con violenza su di lei e sulla sua famiglia. Discriminata come "alunna di razza ebraica", viene espulsa da scuola e a poco a poco il suo mondo si sgretola: diventa "invisibile" agli occhi delle sue amiche, è costretta a nascondersi e a fuggire fino al drammatico arresto sul confine svizzero che aprirà a lei e al suo papà i cancelli di Auschwitz. Dal lager ritornerà sola, ragazzina orfana tra le macerie di una Milano appena uscita dalla guerra, in un Paese che non ha nessuna voglia di ricordare il recente passato né di ascoltarla. Dopo trent'anni di silenzio, una drammatica depressione la costringe a fare i conti con la sua storia e la sua identità ebraica a lungo rimossa. "Scegliere di raccontare è stato come accogliere nella mia vita la delusione che avevo cercato di dimenticare di quella bambina di otto anni espulsa dal suo mondo. E con lei il mio essere ebrea". Enrico Mentana raccoglie le memorie di una testimone d'eccezione in un libro crudo e commovente, ripercorrendo la sua infanzia, il rapporto con l'adorato papà Alberto, le persecuzioni razziali, il lager, la vita libera e la gioia ritrovata grazie all'amore del marito Alfredo e ai tre figli.

Un racconto toccante con un grande messaggio di speranza. Da leggere e far leggere ai  nostri figli, affinchè non dimentichino tutto quello che è successo. 

SOLO L'AMORE PUO' SALVARE

Il terzo libro è Come piante tra i sassi di Mariolina Venezia
Qualche tempo fa in TV è stata trasmessa una serie tv intitolata "Imma Tataranni - Sostituto Procuratore". Ho visto solo un paio di puntate delle 6 trasmesse, ma il personaggio mi ha molto colpito. Primo perchè ha il mio nome, poi perchè  è una donna forte, determinata e piena di risorse ma ha anche un lato dolce e ironico che solo di tanto in tanto lascia emergere. 
Incuriosita dal personaggio ho scoperto che questa serie è tratta dai libri di Mariolina Venezia. Quindi ho iniziato appunto dal primo. 

Simpatica o antipatica? Odiosa forse. Scomoda, spudorata, sorprendente. Come la verità, certe volte. È Imma Tataranni, sostituto procuratore a Matera. Anni 43, alta un metro e uno sputo, capelli crespi e gusti improbabili: dorato, serpentato. E tacco 12.
Se le signore bene, e sua suocera, la guardano a muso stretto, lei non si dà pensiero. Ma se qualcosa non va la vuole raddrizzare. Scarsa in fantasia e in colpi di genio, punta sulla memoria, facendo tremare i potenti e perseguitando i furbi e i cretini.
In una Basilicata arcaica sotto la sua patina di modernità, il caso di un ragazzo morto accoltellato si allarga - per Imma e il bell'appuntato Calogiuri - come la smagliatura di una calza, riportando alla luce un passato sepolto che scombussola le carte del presente.

Per quel che ho visto la serie tv è molto rimaneggiata, è più energica, macchiettistica per così dire. Non c'è molto di questo nel romanzo o, perlomeno, non è così evidente. Onestamente in alcuni momenti ho fatto un po' di fatica a continuare la lettura, ma la fatica viene comunque ricompensata. Mi sa che leggerò anche il secondo!!!


Ultimo libro del mese è Qualcosa di personale di James Patterson.
Patterson mi paice molto come scrittore e quando ho scoperto che a settembre era uscito un altro libro non ho esitato a leggerlo. 

Per Alex Cross, i casi più difficili sono sempre quelli che coinvolgono le persone a lui care. Dopo più di
trent'anni, Cross torna a Starksville, la sua città natale nel North Carolina. Ma quella che dovrebbe essere una vacanza si trasforma in un incubo. Suo cugino Stefan è coinvolto in un crimine terribile: insegnante di educazione fisica, è accusato di aver seviziato e ucciso uno studente, Rashawn Turnbull. Lui si proclama innocente, ma le prove sono schiaccianti. A peggiorare le cose si aggiunge la dichiarazione di un'altra studentessa di Stefan, che lo accusa di stupro. Mentre cerca di dimostrare l'innocenza di suo cugino in una città ancora molto ostile ai neri, dove tutte le autorità sembrano essere corrotte, Cross scopre un segreto di famiglia che lo costringe a mettere in discussione ogni sua convinzione. Inseguendo il fantasma di una persona che credeva morta ormai da tempo, il detective rimane coinvolto in un caso per il quale la polizia sembra non trovare soluzione: un'orribile serie di omicidi nell'alta società locale. Dovrà quindi seguire le tracce di un brutale assassino, cercando allo stesso tempo la verità sul proprio passato, ma le risposte potrebbero essere drammatiche...

Alex Cross è il protagonista di altri romanzi. Come accade in precedenti thriller di Patterson, vi sono anche altre storie parallele al filone narrativo principale.
Il romanzo è scritto con la consueta bravura: l'autore migliora di romanzo in romanzo.
E' un racconto curato nei  minimi particolari che dimostra una profonda conoscenza delle questioni legali e processuali.
Alla crudeltà e alla rudezza del crimine si affianca la delicatezza e la dolcezza delle vicende familiari del protagonista. Vi consiglio vivamente di leggerlo.



Nessun commento:

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...