giovedì 24 dicembre 2009

Con tutto l'amore che posso - Claudio Baglioni - versione 2009 Q.P.G.A.

E lungo il Tevere che andava lento lento
noi ci perdemmo dentro il rosso di un tramonto
fino a gridare i nostri nomi contro il vento
tu fai sul serio o no…
tra un valzer pazzo, cominciato un po’ per caso
tra le tue smorfie e le mie dita dentro il naso
noi due inciampammo contro un bacio all’improvviso
è troppo bello per essere vero,
per essere vero,
per essere vero


Amore mio
ma che gli hai fatto tu a quest’aria che respiro
e come fai a starmi dentro ogni pensiero
giuralo ancora che tu esisti per davvero…
Amore mio
ma che cos’hai tu di diverso dalla gente
di fronte a te che sei per me cosi’ importante
tutto l’amore che io posso è proprio niente…


Sul mondo che girò danzando un’altra ora
sparimmo stretti in fondo all’ombra della sera
stavamo lì e ci mancavamo già da allora
io e te con tutto l’amore che posso
l’amore che posso
l’amore che posso…


Amore mio
ma che gli hai fatto tu a quest’aria che respiro
e come fai a starmi dentro ogni pensiero
giuralo ancora che tu esisti per davvero…
Amore mio
ma che cos’hai tu di diverso dalla gente
di fronte a te che sei per me cosi’ importante
tutto l’amore che io posso è proprio niente…


e dopo aver riempito il cielo di parole
comprammo il pane appena cotto e nacque il sole
che ci sorprese addormentati sulle scale
la mano nella mano…

- Claudio Baglioni - 


Nessun commento:

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...