sabato 3 febbraio 2018

Il Dottor Živago - Borìs Pasternàk



Come primo libro dell'anno, nel nostro gruppo di lettura, abbiamo scelto un "classico" della letteratura russa: Il Dottor Živago di Borìs Pasternàk.

Confesso che non mi ero mai cimentata con un libro del genere. E credo che non lo farò più nei prossimi tempi!!!

Chi non conosce la storia di Lara e Yuri??? In pochi credo. E chi non conosce la ancor più famosa colonna sonora? Il famoso "Somewhere, My Love" diventato in italiano "Dove non so" cantata da Orietta Berti.

Io non ho visto nemmeno il film, se non qualche spezzone qua e là e non conoscevo nemmeno tutta tutta la storia. 
Ho iniziato la lettura piena di entusiasmo, ma subito ho perso il ritmo. Non sono riuscita a seguire il programma giornaliero e ho impiegato un bel po' di tempo in più rispetto al termine fissato.
E' un libro difficile da leggere e poco scorrevole, soprattutto nei primi capitoli; ci sono troppi monologhi, nei quali mi sono persa, e soprattutto ci sono troppi personaggi, soprattutto troppi nomi da ricordare!!! E' difficilissimo!!!
E' un libro che va letto con attenzione e calma. Cosa che non sempre è possibile. Io spesso leggo in autobus, e la confusione non aiuta, oppure la sera, e spesso mi si chiudono gli occhi!!!

E' sicuramente un gran bel libro che però presuppone una certa conoscenza della storia russa e di tutto quello che successe durante la rivoluzione, altrimenti anche tutte le dissertazioni filosofiche dell'autore un po' si perdono e diventano ostiche. Pur conoscendo un pochino la storia russa mi è risultato comunque difficile seguire la trama. Ho avuto l'impressione che tante cose, tanti avvenimenti vengono dati per scontati, quando invece non lo sono.
Ho trovato invece bellissime le descrizioni dei paesaggi. Sembrava quasi di vedere i posti che i personaggi attraversano nel loro lungo viaggio.
La Russia è un paese che mi ha sempre appassionato e che mi piacerebbe visitare.
Anche se, cercando info sul libro, ho scoperto che il film non è stato girato in Russia, ma in Spagna! Incredibile, vero???

Nessun commento:

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...