mercoledì 6 settembre 2006

Scusami...

Ferma in macchina nel traffico napoletano,

un pomeriggio di inizio settembre caldo come agosto…

la radio accesa per far volare il tempo e arrivare il prima possibile “a destinazione”...

Una canzone …

 

Scusami... se quella sera sono stato troppo fragile...

E non ho avuto proprio forza per resistere... per fregarmene...

Scusami... ma la voglia di sentirti era incontrollabile...

Dirti tutto in quel momento era impossibile... era inutile

Scusami, se ho preferito scriverlo, che dirtelo, ma non è facile... dirti che...

Sei diventata il senso di ogni mio giorno...momento...perché...

...perché sei fragile...

Scusami...se io non sto facendo altro che confonderti...

Ma vorrei far di tutto per non perderti... e per viverti...

Parlami...ma ti prego di qualcosa oppure stringimi...

Ho paura del silenzio e dei tuoi brividi...dei miei limiti...

Scusami, se ho preferito scriverlo, che dirtelo, ma non è facile...dirti che...

Sei diventata il senso di ogni mio giorno...momento...perché...

...perché sei fragile...e come me sai piangere...

Scusami, se ho preferito scriverlo, che dirtelo, ma non è facile...dirti che...

Sei diventata il senso di ogni mio giorno...momento...perché...

...perché sei fragile...

e come me sai piangere...

 

 

Modà 

 

0 commenti:

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...