lunedì 6 agosto 2007

Ti seguo ogni notte



Finito... iniziato e finito subito come l'altro.
Una rivelazione, Luca, come sempre.
Questa volta ho avuto un po' di tempo in più per riportare pensieri ed emozioni e per trascrivere quello che mi ha colpito

Quando nella mia vita stava arrivando la tranquillità, dentro di me è cominciata la guerra.

Sfigato è chi non si pone domande, non chi le fa troppo dirette. però hai ragione, Roger: la mia è un'età strana, in cui cominciano le paranoie. Rimanere sola, non avere più il tempo di fare un bambino, vedere i primi capelli bianchi e sentire le tette cadere giù... Io vivo con l'incubo di appassire, proprio come i miei fiori. Non so perchè ti sto raccontando tutto questo.
Sono parole di Betta... ma potrebbero essere le mie. E' proprio questa la sensazione che vivo in certi giorni.
Con le mie paranoie... Del resto io e Betta siamo quasi coetanee...

Non abbiamo più il coraggio di dirci le cose... ci mandiamo messaggi, ci scriviamo e-mail, ci parliamo di corsa al telefono, ma non riusciamo più ad affrontarci a faccia a faccia.
Come è vero... ma a volte non ci sono nemmeno più i messaggi, le mail... non c'è nulla.
C'è assoluta mancanza di comunicazione... e soprattutto non c'è la Voglia di comunicare.. di parlare, di confidarsi.

Ti seguo ogni notte, Roger.
Anche io... tutte le notti... il mio pensiero è quasi fisso.

Vuoi sposarmi, Betta?
Posso sentirmi come Betta?... voglio anche io un uomo che mi chieda di sposarlo non importa se non siamo al Quisi... non importa se non è ricco e famoso come Roger... l'importante è che mi voglia bene e che mi regali dei fiori.. e che mi faccia sentire la donna più bella e più amata del mondo...

Polvere siamo e polvere torneremo. Ma, nel frattempo, superstar.
oh, oh... questa frase mi ricorderà la Sara per il resto della mia vita!!!!!!

I contrari che si attraggono soltanto in occasioni speciali. E per Betta, quell'occasione era stata un volto. Il volto di Roger. Gli occhi smarriti di chi insegue disperatamente un'altra donna, e non ti vede nemmeno mentre ti parla.
Poi ritorna.
Una volta.
Un'altra.
Un'altra ancora.
E senza sapere come - perchè anche questo è amore - diventi meno trasparente, gli sguardi si abbassano la voce si affina, la fantasia corre. Quando meno te l'aspetti, ti invita a cena. Quando più lo desideri ti bacia: E quando cerchi di non pensarci, ti chiede di sposarlo.
Sono sicura che prima o poi... quando meno me l'aspetto...

Domani nella battaglia, pensa a me.
Non ti preoccupare, Roger. Vincerai.
... vincerò anche io!!!!!

Grazie Luca... per questo altro ... indimenticabile sogno!!


From "LucaB":

Imma tesoro caro, grazieeee,
mi becchi proprio a ridosso delle mie vacanze... sono uno straccio e a pezzi ma tutto bene!
andrò qualche giorno in toscana e poi in mexico a rinfrescarmi le idee... sono contento che ti sia piaciuta anche la storia di Roger!
Che bello mi dai un sacco di soddisfazioni!
un abbraccio fortissimo e a presto...
L

W napoli!!!

2 commenti:

Carlo ha detto...

Ho sempre voglia di comunicare direttamente... Non mi passa mai!

photographer ha detto...

bel blog..complimenti, davvero interessante.
un abbraccio
yulja

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...