sabato 19 gennaio 2019

I libri del 2018


Nell'anno che si è appena concluso ho battuto un mio piccolo record personale. Ho letto 60 libri nell'anno. Più uno in lettura al 31/12 più uno abbandonato. E' la prima volta che abbandono un libro, ma ho deciso che ho tanto da leggere e non posso perdere tempo con libri che non mi prendono.
Ecco l'elenco completo:

1. Vittoria e Abdul di Shrabani Basu
2. Il dottor Zivago di Borís Leonídovic Pasternàk
3. Il caffè dei piccoli miracoli di Nicolas Barreau
4. I segreti di mia sorella di Nuala Ellwood
5. Ninfee nere di Michel Bussi
6. L'uomo dei cerchi azzurri di Fred Vargas
7. L'uomo di gesso di C.j. Tudor
8. La cena di Herman Koch
9. Le ragazze di Emma Cline
10. Un ragazzo normale di Lorenzo Marone
11. L'uomo a rovescio Fred Vargas
12. Il caffè dei miracoli di Franco Di Mare
13. La verità sul caso Harry Quebert di Joël Dicker
14. La luce sugli oceani di M.L. Stedman
15. Sara al tramonto di Maurizio De Giovanni
16. Parti in fretta e non tornare di Fred Vargas
17. La sovrana lettrice di Alan Bennett
18. Il tatuatore di Alison Belsham
19. Una ragazza affidabile di Silena Santoni
20. L'altra figlia di Annie Ernaux
21. Le assaggiatrici di Rosella Postorino
22. Napoli esoterica e misteriosa di Martin Rua
23. Cortesie per gli ospiti di Ian McEwan
24. Sotto i venti di Nettuno di Fred Vargas 
25. Aglio, olio e assassino di Pino Imperatore
26. L'anello mancante di Antonio Manzini
27. Il pianista - Varsavia 1939 - 1945. La straordinaria storia di un sopravvissuto di Wladyslav Szpilman
28. Regalo di Natale di Bill James, Alicia Giménez-Bartlett, Antonio Manzini, Francesco Recami, Marco Malvaldi, Maurizio de Giovanni
29. Il presidente è scomparso di Bill Clinton, James Patterson
30. Il purgatorio dell'angelo di Maurizio De Giovanni
31. La leggenda del ragazzo che credeva nel mare di Salvatore Basile
32. La moglie tra di noi di Sarah Pekkanen
33. La scomparsa di Stephanie Mailer di Joël Dicker
34. Nei boschi eterni di Fred Vargas
35. La statua di sale di Gore Vidal
36. Hamburger e miracoli - Sulle rive di Shell Beach di Fannie Flagg
37. Corpi freddi di Kathy Reichs
38. La treccia di Laetitia Colombani
39. Un luogo incerto di Fred Vargas
40. La piccola erboristeria di Montmartre di Donatella Rizzati
41. Il segno della croce di Glenn Cooper
42. Le tartarughe tornano sempre di Enzo Gianmaria Napolillo
43. Zeitoun di Dave Eggers
44. L'ultimo uomo nella torre di Aravind Adiga
45. Notti in bianco, baci a colazione di Matteo Bussola
46. Due mogli di Maria Pia Ammirati
47. Sette fiori di senape di Conor Grennan
48. So che un giorno tornerai di Luca Bianchini
49. Mare di papaveri di Amitav Ghosh
50. La morte della Pizia di Friedrich Dürrenmatt
51. Fate il vostro gioco di Antonio Manzini
52. Io, te e il mare di Marzia Sicignano
53. Il debito di Glenn Cooper
54. La regina degli scacchi di Walter Tevis
55. I figli di Dio di Glenn Cooper
56. Cara Napoli di Lorenzo Marone
57. Donne che non perdonano di Camilla Läckberg
58. La cavalcata dei morti di Fred Vargas
59. Il racconto dell'ancella di Margaret Atwood
60. Vuoto di Maurizio De Giovanni
61. Lazarus di Lars Kepler

Il libro abbandonato è "Un'estate in montagna di Elizabeth von Arnim".

Grazie alla partecipazione al gruppo di lettura virtuale le mie letture sono assolutamente incrementate e grazie al gruppo ho scoperto libri davvero belli.
Consiglio sicuramente "Ninfee nere di Michel Bussi" soprattutto se amate Monet.
Con le altre partecipanti ho letto finalmente "Il dottor Zivago di Borís Leonídovic Pasternàk" che forse da sola non avrei mai letto per intero.

Durante l'anno, spesso contemporaneamente al gruppo, ho letto anche i miei autori preferiti: Luca Bianchini, Maurizio De Giovanni, Pino Imperatore, Lorenzo Marone.
Quest'anno ho scoperto Fred Vargas e mi sono innamorata del commissario Adamsberg.

Un libro carinissimo e breve che davvero vi consiglio è "La sovrana lettrice di Alan Bennett".

Quelli che mi sono piaciuti di meno?? Uhm... sicuramente quello che ho abbandonato. E poi "Io, te e il mare di Marzia Sicignano"; i libri di Kathy Reichs nonostante io ami Bones; "Notti in bianco, baci a colazione di Matteo Bussola".
Sicuramente ne dimentico qualcuno.

Quest'anno ho una nuova sfida. Superare i libri del 2018. Speriamo bene!!!!

Nessun commento:

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...