sabato 24 ottobre 2020

I libri di Settembre

E' iniziata la scuola. E' ricominciato il corso di inglese. Non abbiamo ripreso ancora la palestra perchè purtroppo non ci hanno rifatto il certificato medico sportivo causa "braccio", ma continuiamo a fare la fisioterapia perchè purtroppo ne abbiamo ancora bisogna.  

Causa Covid quest'anno si hanno ingressi scaglionati. L'ingresso di Sofia è 8.05 per cui alle 7.45 siamo tutti fuori casa. 

La sera praticamente crollo con il Kindle in mano. Per cui dopo il grande exploit di agosto, il mese di settembre è stato povero di letture. Devo "riabituarmi" alle corse quotidiane!!!

A settembre ho letto un libro ... e mezzo:

1) Donne che comprano fiori di Vanessa Montfort
2) Un complicato atto d'amore di Miriam Toews 


Ho iniziato Donne che comprano fiori di Vanessa Montfort a fine agosto perchè me l'aveva consigliato un'amica e anche perchè mi ha colpito la copertina. 


Nel negozio di Olivia, nel quartiere più bohémien di Madrid, all'ombra di un olivo centenario, si incrociano le vite di cinque donne che comprano fiori. Tutte all'inizio lo fanno per gli altri, mai per sé: Victoria li compra per il suo amante segreto, Casandra per ostentarli in ufficio, Aurora per dipingerli e Marina per una persona che non c'è più. Dopo la perdita del marito, infatti, Marina si sente completamente smarrita. Mentre cerca disperatamente un modo per rimettersi in piedi, si imbatte per caso in Olivia e accetta di lavorare nel suo Giardino. Lì conoscerà altre quattro donne, molto diverse tra loro, ma che, come lei, stanno attraversando un momento cruciale della propria esistenza... Un viaggio nei sogni e nei desideri delle donne di oggi, alla conquista dell'indipendenza.

Ci ho messo un mese a finirlo. Non perchè non mi sia piaciuto, ma perchè davvero lungo e leggendo pochissimo solo la sera, sono andata avanti molto molto lentamente. 
Un racconto molto intenso, che scava nel profondo e tira fuori pensieri importanti e impegnativi. Per donne che hanno il coraggio di mettersi in discussione.

Il mezzo libro che ho letto è Un complicato atto d'amore di Miriam Toews. Cominciato con le ragazze del GDL, l'ho abbandonato ben prima della metà. Lento, poco interessante e difficile da seguire. 
Forse era sbagliato il momento. Chissà... forse lo riprenderò più in là!

Nomi cammina sotto la luna. Scrive il suo nome nella terra. Ha sedici anni nel posto sbagliato, un villaggio mennonita ai margini del mondo, e non può né fuggire né restare.Salta sul tappeto elastico all’alba, con il suo carico di visioni. Sua sorella teatrale e ribelle, piena di musica, che se ne va un mattino, con il furgone rosso, da quel paese in bianco e nero.Sua madre allegra e sognante che scompare due mesi dopo, senza valigia, senza passaporto.Nomi si dibatte come un animaletto in trappola.Fuma, fantastica, piange, sorride; prepara cene in ordine alfabetico.Si rade i capelli a zero, toglie la maglietta a Travis per baciarlo lentamente, giù alle cave, e fare l’amore in riva al fiume ascoltando Lou Reed e James Taylor.Non può abbandonare anche lei suo padre, fedele mennonita dolcissimo e triste, che passa le serate a fissare la strada e adora la Bibbia, gli isotopi e Yeats.Solo un complicato atto d’amore potrà donarle la libertà.Con la sua scrittura piena di intelligenza e dolcezza, con il suo personalissimo umorismo anche davanti alle situazioni più nere, Miriam Toews dà voce a un personaggio che non ci lascerà mai più.







domenica 18 ottobre 2020

Make a wish

Esprimi un desiderio... 

La tartaruga è il simbolo dello della famiglia. 

I made a wish ❤️

sabato 17 ottobre 2020

I libri del Gruppo di Lettura

 Ottobre comincia con un nuovo libro del GDL: Gilead di Marilynne Robinson.


Il pastore John Ames sarà morto quando suo figlio aprirà la lettera che gli sta scrivendo. Siamo nel 1956, John ha 76 anni e sente che la fine è prossima. Dieci anni prima ha incontrato l'attuale signora Ames, molto piú giovane di lui. La donna aveva sofferto molto: il pastore se ne innamorò e in lui la ragazza ha trovato conforto e assistenza. Ora sembra proprio che siano felici, sotto ogni punto di vista. Il vecchio padre sente che il figlio di sei anni non potrà mai veramente conoscere la sua storia. A Gilead, Iowa, la città che non ha mai lasciato, Ames inizia cosí a scrivere una specie di testamento, la storia della sua famiglia. Racconta di suo nonno, un uomo impegnato nelle lotte contro la schiavitù, del padre pacifista durante la guerra di Secessione. E poi si chiede: cosa ho imparato io da tutti voi?

Questi invece tutti i libri già letti!

1. Il canto della pianura

2. Le solite sospette

3. Le assaggiatrici

4. Chiamate la levatrice

5. Winesburg Ohio

6. Amok

7. La morte della pizia

8. Zeitoun

9. 7 fiori di senape

10. Le ragazze

11. La macchia umana

12. Revolutionary Road

13. Cortesie per gli ospiti

14. Terapia di coppia per amanti

15. Diario di una rondine

16. I testamenti

17. Veleno

18. Piccoli suicidi fra amici

19. La memoria rende liberi

20. Il crogiulo

21. Il racconto dell'ancella

22. Il mistero di Oliver Ryan

23. Aria sottile

24. Una stanza piena di gente

25. La teologia del cinghiale

26. Abbiamo sempre vissuto nel castello

27. L'uomo che mette a ordine nel mondo

28. La casa per bambini speciali di miss peregrine

29. Il pianista

30. Tabù

31. La luce sugli oceani

32. La scoperta del currywurst

33. Crepuscolo

34. Ninfee nere

35. Le cure domestiche

36. Che Dio perdona a tutti

37. Amore cucina e curry

38. Tanti piccoli fuochi

39.Il dottor Zivago

40. I giorni del tuono e del dolore

41. Cronaca di un servo felice

42. Quel che resta del giorno

43. Il mio anno di riposo e oblio

44. Le sette morti di Evelin

45. Cometa sull'annapurna

46. L'opera struggente di un formidabile genio

47. Riparare i viventi

48. Un aereo senza di lei

49. Tre tazze di tè

50. Heidi

51. L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello

52. Condominium

53. Scappa con me a Roma

54. Un complicato atto d'amore

55. Fiore di roccia



lunedì 12 ottobre 2020

Il perdono

"Quando siamo tentati di chiudere il nostro cuore a chi ci ha offeso e ci chiede scusa, ricordiamoci delle parole del Padre celeste al servo spietato: «Io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?».

Chiunque abbia sperimentato la gioia, la pace e la libertà interiore che viene dall’essere perdonato può aprirsi alla possibilità di perdonare a sua volta."

Papa Francesco - Angelus del 17 settembre 2017




martedì 25 agosto 2020

Torta cioccolato e menta

Venerdì, approfittando di  giorno di ferie preso al volo, abbiamo deciso di fare una torta tutti insieme.
Enrico ha trovato girando sul web la ricetta di una torta con pan di spagna al cioccolato e la crema dio menta. Quindi abbiamo deciso di provarla. 

Ingredienti:

Per il Pan di Spagna:

2 uova,
140 g zucchero,
60 ml latte,
70 ml olio di semi di girasole,
150 g farina,
20 g cacao amaro,
mezza bustina di lievito per dolci

Per la Crema:
250 g mascarpone,
100 ml panna fresca,
100 ml sciroppo di menta

Per la Bagna:
latte
sciroppo di menta


Procedimento 

In una ciotola versare le uova intere con lo zucchero e con l'aiuto delle fruste elettriche mescolare, fino ad ottenere un composto spumoso. Unire il latte continuando a sbattere..




Aggiungere l’olio e sempre continuando a mescolare, aggiungere poco alla volta la farina ed il cacao amaro. Per ultimo unire il lievito per dolci. 
Mescolare per bene, fino ad ottenere un composto senza grumi.

Imburrare e infarinare una teglia e versare il composto. Cuocere in forno preriscaldato e ventilato a 170° per 20-25 minuti oppure in forno statico a 180° per lo stesso tempo. Una volta cotta, lasciatela raffreddare.


Preparare la crema montando per bene la panna, unire il mascarpone e mescolare sempre con le fruste fino ad ottenere una crema setosa.

(PS: ricordatevi di mettere la panna in frigo e se fa molto caldo mettete in frigo per una mezz'ora anche a ciotola e le fruste!!!)

Aggiungere lo sciroppo alla menta e mescolare ancora un po' fino ad ottenere una bella panna verde! 

Per la bagna, mescolare un po’ di latte con un goccio di sciroppo di menta.

Appena la base si è raffreddata metterla su un piatto da portata e bagnarla con latte e menta. 

La ricetta originale prevedeva una decorazione con la sac à poche. Ci abbiamo provato, ma forse a causa dell'eccessivo caldo la crema si stava liquefacendo, per cui abbiamo optato per una spennellata sopra, che sicuramente ha tolto molto all'estetica, ma nulla ha tolto al gusto della torta!!!
Buonissima davvero. 

E' davvero semplice da fare. La consiglio anche da fare con i bimbi che si divertiranno ad utilizzare le fruste!



giovedì 13 agosto 2020

Un nuovo ricamo

Dopo aver finito l'orchidea  che insieme alle ortensie aspetta ancora di essere incorniciata, ho iniziato un nuovo ricamo.

Questa volta non sono fiori. 
Volevo un tema "marino" da mettere in bagno.

Sono rimasta folgorata da uno schema Dimensions..

Si chiama "Shell on blue" disegnato da Lori Greff. È su tela aida blu, ma io ho apportato qualche modifica. L'ho iniziato su tela aida ecru... Giusto per cecarmi gli occhi!!!
Sembrava più semplice.. 
Sono proprio all'inizio! Speriamo non diventi un UFO!

martedì 11 agosto 2020

La frittata di pasta al forno

 Anche se siamo a dieta oggi ci siamo concessi un pranzo libero. Ho preparato la frittata di pasta al forno.

Ingredienti

300 gr. di bucatini
5 Uova
3 fette di prosciutto cotto
150 gr. di provola
q.b. Parmigiano
q.b. Sale
q.b. Burro (per lo stampo)

Preparazione

Cuocere la pasta al dente. Sbattere le uova aggiungendo parmigiano a piacimento e sale quanto basta. Aggiungere la pasta e amalgamare tutto.
In una teglia imburrata versare parte della pasta aiutandosi con le mani a stendere tutto per bene. Al centro mettere la provola tagliata a cubetti e stendere il prosciutto a fette. Versare il resto della pasta sopra e cospargere di parmigiano.
Mettere in forno statico a 160° precedentemente riscaldato per 55-60 minuti. Gli ultimi 5 minuti passare a grill per far dorare la superficie 

Questo è il risultato:


Un paio di osservazioni per la prossima volta: un uovo in più, un pizzico di sale in più e una teglia più alta!!!

lunedì 3 agosto 2020

Benvenuta Zelda

Sono passati 10 giorni da quando è arrivata e ci siamo "ripresi" dai primi giorni ...

Era da tanto che Sofia chiedeva un cucciolo, ma noi abbiamo sempre tentennato. Enrico un po' di più per la verità... Io ho già vissuto l'esperienza di un cucciolo in casa: Anastasia. E' stata con noi dal 1997 al 2013. 
E' stata per me una sorella. E so bene quanto un cucciolo può fare bene in una famiglia, soprattutto ad una figlia unica come Sofia.

Tutto è cominciato durante questo periodo di lockdown. Lo stare forzatamente chiusi in casa, ci ha fatto pensare che forse un cucciolo sarebbe stato l'ideale per Sofia, che ha cominciato a soffrire, come tutti i bimbi, che all'improvviso si sono trovati chiusi in casa senza poter fare più nulla. 

Ho cominciato a guardare tutti i siti e i gruppi di Facebook dedicati all'adozione dei cuccioli finchè... non ho visto lei: 



E' stato amore a prima vista, così ho contattato subito la volontaria e abbiamo preso accordi.
La mamma ha partorito questa cucciolata in una caverna vicino Palermo e i volontari li hanno subito salvati e portati al riparo.

Sofia ha deciso il nome e abbiamo avviato tutte le pratiche per l'adozione. Una volontaria è venuta a farci il colloquio pre-affido. Perchè l'adozione di un cucciolo è una cosa seria!!
Abbiamo aspettato i tempi giusti, abbiamo aspettato che il veterinario mettesse il microchip obbligatorio e facesse i primi vaccini e compiuti i due mesi è stata organizzata la staffetta per portarla a Firenze. 

Nel cuore della notte siamo andati a prenderla.
Piccola e spaventata.
 


E poi siamo arrivati a casa. Si è perdutamente innamorata di Sofia. E' diventata la sua ombra. Dove va Sofia va Zelda. E noi ci siamo perdutamente innamorati di lei. 



Benvenuta Zelda!!!
Da oggi la nostra vita sarà sicuramente migliore!

sabato 1 agosto 2020

I libri di Luglio

Nonostante un mese un po' travagliato ...4 libri all'attivo!!!

1) La mia famiglia e altri animali di Gerald Durrell
2) L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello di Oliver Sacks
3) Vicarìa: Un'educazione napoletana di Vladimiro Bottone
4) Il condominio di James Graham Ballard 
 
Su consiglio della mia amica Lele, personal book's guru ho letto La mia famiglia e altri animali di Gerald Durrell.

«Questa è la storia dei cinque anni che ho trascorso da ragazzo, con la mia famiglia, nell’isola greca di Corfù. In origine doveva essere un resoconto blandamente nostalgico della storia naturale dell’isola, ma ho commesso il grave errore di infilare la mia famiglia nel primo capitolo del libro. Non appena si sono trovati sulla pagina non ne hanno più voluto sapere di levarsi di torno, e hanno persino invitato i vari amici a dividere i capitoli con loro»: così Gerald Durrell presenta questo libro, uno dei più universalmente amati che siano apparsi in Inghilterra negli ultimi trent’anni. Ma il lettore avrà il piacere di scoprirvi anche qualcos’altro: la storia di un Paradiso Terrestre, e di un ragazzo che vi scorrazza instancabile, curioso di scoprire la vita (che per lui, futuro illustre zoologo, è soprattutto la natura e gli animali), passando anche attraverso avventure, tensioni, turbamenti, tutti però stemperati in una atmosfera di tale felicità che il lettore ne viene fin dalle prime pagine contagiato
.

E' una storia ironica e piena di scene comiche. La narrazione è fluida, sembra quasi di essere insieme al protagonista in giro per l'isola. Un libro che mi ha divertito anche se alcune descrizioni sul comportamento degli animali le ho trovate un po' troppo lunghe e noiose!

Con il gruppo del GDL, dopo aver letto "Una stanza piena di gente" abbiamo deciso di leggere L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello di Oliver Sacks. 

Oliver Sacks professore di Neurologia alla Albert Einstein College of Medicine di New York, racconta
le sue esperienze cliniche affrontando la malattia mentale sotto l’aspetto umano più profondo
.

Si tratta di un saggio neurologico in cui l'autore racconta alcune sue esperienze cliniche di neurologo e descrive alcuni casi di pazienti con lesioni encefaliche di vario tipo, che hanno prodotto i comportamenti più singolari e imprevedibili.Il saggio è diviso in quattro sezioni: Perdite, Eccessi, Trasporti e Il mondo dei semplici, le cui storie sono accostate a particolari sindromi e disfunzioni quali sindrome di Tourette, di Korsakov, di Conard, atassie, agnosie, afasie, amnesie.
L'autore utilizza un linguaggio scientifico che dovrebbe spiegare al lettore le malattie neurologiche i comportamenti che ne derivano, stimolando la sua curiosità. A me ha fatto l'effetto contrario. L'ho trovato arido: un lungo elenco di casi. 


Un amico, anche lui napoletano di origine, ma trapiantato a Firenze da un po', mi ha prestato un libro secondo lui molto bello: Vicarìa: Un'educazione napoletana di Vladimiro Bottone.

Napoli, 1841. il Reale Albergo dei Poveri è un'opera mastodontica nata con l'ambizione di risanare le sette piaghe cittadine, ma divenendone, di fatto, l'ottava. Reclusorio di vecchi inabili, donne perdute e infanti destinati a perdersi, viene chiamato dai napoletani il Serraglio poiché dalle sue mura è pressoché impossibile fuggire. A scappare ci prova, tuttavia, Antimo, un bambino di sette anni. La causa della sua fuga è un «peccato che grida vendetta al Signore». Nascosto in una cesta di vimini, sotto un mucchio di paglia usata e lenzuola sporche, Antimo è sul punto di guadagnare l'uscita quando, scoperto, va incontro a una triste fine. Gioacchino Fiorilli, giovane commissario di Vicarìa, uno dei quartieri più malfamati della città, viene incaricato delle indagini sul caso. Di bell'aspetto, i baffi curati e la divisa elegante, Fiorilli si ritrova a fare i conti con una Napoli popolata di funzionari corrotti, medici senza scrupoli e sinistri personaggi in bilico tra luce e ombra, nobiltà d'animo e miseria.

Un bel libro, ambientato a Napoli, la mia città. Una città dalla quale sono andata via, ma che è una parte di me, dalla quale non posso essere separata. Un libro pieno di colpi di scena che tiene attento il lettore fin dalle prime pagine, ma che purtroppo a metà si perde e diventa un po' lungo. Un libro comunque da leggere per scoprire una parte della città che oggi non esiste più.

Il mese si chiude con un altro libro letto con le amiche del GDL: Il condominio di James Graham Ballard.

Un elegante condominio in una zona residenziale, costruito secondo le più avanzate tecnologie, è in
grado di garantire l'isolamento ai suoi residenti ma si dimostrerà incapace di difenderli. Il grattacielo londinese di vetro e cemento, alto quaranta piani e dotato di mille appartamenti, è il teatro della generale ricaduta nella barbarie di un'intera classe sociale emergente. Viene a mancare l'elettricità ed è la fine della civiltà, la metamorfosi da paradiso a inferno, la nascita di clan rivali, il via libera a massacri e violenza. Il condominio, con i piani inferiori destinati alle classi inferiori, e dove via via che si sale in altezza si sale di gerarchia sociale, si trasforma in una prigione per i condomini che, costretti a lottare per sopravvivere, danno libero sfogo a un'incontenibile e primordiale ferocia. "Era trascorso qualche tempo e, seduto sul balcone a mangiare il cane, il dottor Robert Laing rifletteva sui singolari avvenimenti verificatisi in quell'immenso condominio, nei tre mesi precedenti. Ora che tutto era tornato alla normalità, si rendeva conto con sorpresa che non c'era stato un inizio evidente, un momento al di là del quale le loro vite erano entrate in una dimensione chiaramente più sinistra. Con i suoi quaranta piani e le migliaia di appartamenti, il supermarket e le piscine, la banca e la scuola materna - ora in stato di abbandono, per la verità - il grattacielo poteva offrire occasioni di scontro e violenza in abbondanza.
"

L'ho iniziato in ritardo rispetto all'inizio previsto, per cui sono non sono in linea con la "tabella di marcia". Mi manca pochissimo per terminarlo. E' un distopico, racconta la caduta della società, l'emersione degli istinti umani che distruggono la sovrastruttura sociale e le leggi di diritto odierne.
E' un bel libro, ma diciamo che non è proprio il mio genere!

lunedì 20 luglio 2020

Cromoterapia

La cromoterapia è considerata una "medicina alternativa": il mondo dei colori rappresenta una terapia volta al trattamento di disturbi di varia entità. 
In questa “medicina”, che non si avvale di nessuna prova scientifica, e ribadisco NESSUNA PROVA SCIENTIFICA i colori sono indispensabili per ritrovare l'armonia e l'equilibrio del corpo e dello spirito.

Chi pratica la cromoterapia ritiene che i colori sono in grado di influenzare le funzioni dell'organismo, influendo a livello del sistema metabolico, nervoso ed immunitario. Già gli antichi Egizi e i Greci conoscevano il "potere dei colori"...

Nella moderna cromoterapia, i colori sono associati ad alcune proprietà particolari:

Il verde simboleggia l'armonia, la natura, l'equilibrio e la speranza: agisce a livello del sistema nervoso  e calma i mal di testa.

Il rosso è simbolo del fuoco, del sangue e dell'eccitazione sessuale: è collegato alla forza, alla vita e alla passione. E' utilizzato contro bruciature ed eruzioni cutanee. E' utile contro depressione, asma e tosse.
 
Il blu ha un effetto calmante, tranquillizzante e rinfrescante. E' utilizzato per l'ansia e l'insonnia.

Il giallo raffigura la parte intellettuale del cervello e favorisce la concentrazione. 

Ribadisco e sottolineo che non c'è NESSUNA EVIDENZA SCIENTIFICA!!!!

Tutto questo per dire che ieri abbiamo cambiato il soffione della doccia e ne abbiamo acquistato uno "colorato".
Quindi da ieri ogni volta che faccio la doccia mi dedico alla cromoterapia!!!

Vi farò sapere che benefici mi porterà!