martedì 5 marzo 2013

La treccia di pasta lievitata

Il nostro venerdì pomeriggio è dedicato alla preparazione di qualcosa per "fare colazione tutti insieme" durante il week end.
L'altra settimana l'esperimento "crostata con la marmellata di fragole" è perfettamente riuscito.
Lo scorso venerdì ho provato a fare la Treccia con la pasta lievitata.

Ho cercato in giro un po' di ricette evitando accuratamente quelle che prevedono l'uso della macchina del pane o di un'impastatrice. La prima non ce l'ho. Con la seconda non ho un buon rapporto! Non chiedetemi perchè!!!
Alla fine guardando nel mio quadernino ho trovato una ricetta simile e ho pensato di riaddattarla.

Questa è la mia ricetta:

Ingredienti:
- 300 gr di farina
- 25 gr di lievito di birra
- 40 gr di burro
- 50 gr di zucchero
- 1 bustina di vanillina
- la scorza di mezzo limone
- un pizzico di sale
- 2 uova
- 80 ml di latte

e poi  per ricopertura
- 1 uovo
- zucchero in granella

Procedimento:
Mettere il latte a temperatura ambiente in una ciotolina e aggiungere  lo zucchero e il lievito di birra sbriciolato. Mescolare piano piano piano con un cucchiaio.
Il composto deve  riposare per una decina di minuti  in un luogo tiepido. (Mi hanno consigliato di aspettare fino a quando non compare una specie di schiumetta in superficie).
Setacciare la farina e versarla in una ciotola, unire il latte e lievito. Aggiungere il burro fuso.
Separatamente sbattere le due uova e unirle agli ingredienti. Aggiungere ancora la buccia grattugiata del limone, la vanillina e il sale. Amalgamare il tutto con un cucchiaio di legno.
Mettere tutto sulla spianatoia (io ho usato il mio bellissimo tagliere Ikea) e impastare fino a quando l'impasto non è diventato liscio ed omogeneo.
Riporlo in una ciotola infarinata e lasciarlo lievitare in luogo caldo coperto da un panno pulito per almeno un'ora.
Trascorso questo tempo l'impasto dovrebbe aver raddoppiato il suo volume.
Ecco... a me è cresciuto, ma non è certo raddoppiato. Avrò sbagliato qualcosa??

Comunque... lavorare velocemente l'impasto e dividerlo in 3 parti uguali. Con ognuna formare tre bastoncini e intrecciarli.
Disporre la treccia su una teglia foderata con carta forno, coprirla con un canovaccio pulito e lasciarla lievitare ancora per mezz’ora.
Dopo si passa alla "ricopertura" Sbattere un uovo e con un pennello spennellare tutta la superficie. Cospargerla infine con la granella di zucchero.
Infornare in forno già caldo a 170° per 40 minuti circa (comunque fino a che la superficie sarà ben colorita).


Ho seguito passo passo tutte le indicazioni della ricetta. Ma la mia treccia nel forno è esplosa. Perchè? 
Spero che le mie amiche cuoche mi diano una mano a capire!!!

Però in compenso posso dire che.... era buonissima!


4 commenti:

Laura GDS ha detto...

A guardarla così credo che il problema fosse nella non omogenieità di dimensioni dell'intrecciato. Cerco di spiegarmi meglio: se orienti le 2 foto nella stessa direizione, noteria i che la mancanza di sviluppo della treccia è dove l'impasto era meno cicciotto in partenza.
Questa però è solo un'osservazione sulle foto: magari poi ai conti culinari non c'entra nulla!

Imma ha detto...

potrebbe essere...sai che non ci avevo pensato?
Grazie

Letizia in Cucina ha detto...

Oppure l'hai fatto lievitare troppo poco. Il latte l'avrei messo tiepido o caldo e poi le uova erano a t.a. o di frigo?

Imma ha detto...

Il latte in realtà era tiepido, Lety. Le uova le avevo tolte da poco dal frigo, non erano proprio a temperatura ambiente.

L'ho lasciata lievitare un'ora e mezza. Doveva forse stare di più?

Posta un commento

mi fa piacere sapere cosa ne pensi...